logo-liberarte-re

Tutti gli appuntamenti

« Novembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      

LINK

frati

Notizie, informazioni e curiosità sul portale dei frati minori cappuccini dell'Emilia-Romagna.

Newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER - Non sei ancora iscritto alla nostra newsletter? Che cosa aspetti? Bastano pochi clic e sarai sempre informato su tutte le nostre iniziative...

News Museo

I BENI CULTURALI CAPPUCCINI DELL’EMILIA ROMAGNA In occasione dell’ XII edizione della  Settimana della salute mentale BIBLIOTECA DEI FRATI CAPPUCCINI piazza Vallisneri 1 a Reggio Emilia  “ IN VIAGGIO “ opere a cura degli Atelier del Dipartimento di salute mentale e dipendenze patologiche Azienda Usl di Reggio Emilia   INAUGURAZIONE Sabato 30 settembre  ore 11,00 Sabato 30 settembre – domenica 22 ottobre aperture: sabato e domenica dalle ore 16.00 alle ore 19.00 Partecipano: Utenti e operatori degli atelier di: Castelnovo né Monti, Correggio, Guastalla, Reggio Emilia, San Polo, Scandiano, Struttura a bassa soglia d’accesso Reggio Emilia Gaddomaria grassi, Direttore del Dipartimento di salute mentale e dipendenze patologiche Azienda Usl di Reggio Emilia Padre Prospero Rivi, Responsabile istituzionale Beni Culturali , Museo e Biblioteca Provinciali dei Frati Minori Cappuccini dell’Emilia Romagna Davide Dazzi, responsabile attività Biblioteca Provinciale dei Frati Minori Cappuccini dell’Emilia Romagna Maura Favali, responsabile attività Beni Culturali e Museo Provinciale dei Frati Minori Cappuccini dell’Emilia Romagna   La Settimana della Salute Mentale, organizzata da Azienda Usl di Reggio Emilia, Centro di Storia della Psichiatria, Comune di Reggio Emilia e molti altri Enti e Associazioni, vuole rappresentare un’opportunità per chi è interessato al confronto e all’approfondimento di temi riguardanti la salute e la malattia mentale. Si propone di affrontare questi argomenti in tutte le loro sfaccettature e senza semplificazioni; soprattutto vuole essere un’occasione per demistificare luoghi comuni e pregiudizi.  Come sempre nel corso della settimana si susseguono dibattiti, rappresentazioni teatrali e cinematografiche, presentazioni di libri, testimonianze, attività sportive e ricreative con l’obiettivo di andare incontro agli interessi e alla sensibilità di ogni cittadino. L’edizione 2017, fra i tanti temi affrontati, ne mette in evidenza uno di particolare attualità ed importanza: il gioco d’azzardo. Si tratta di una tematica con specifici risvolti sanitari (il cosiddetto gioco d’azzardo patologico) ma lo sviluppo esponenziale di questo fenomeno nelle sue…
In occasione dell’ XI edizione della  Settimana della salute mentale Museo e Biblioteca dei Frati Cappuccini ospitano, nella sede di piazza Vallisneri 1 a Reggio Emilia, due mostre e la presentazione di un libro “ LE CITTA’ INVISIBILI “ opere a cura degli Atelier del Dipartimento di salute mentale e dipendenze patologiche Azienda Usl di Reggio Emilia “ CONSOLAZIONI “ mostra fotografica  di Achille Ascani a cura di Andreina Pezzi   INAUGURAZIONE Sabato 1 ottobre  ore 10,00 Sabato 1 ottobre – domenica 30 ottobre aperture: sabato e domenica dalle ore 16.00 alle ore 19.00 Partecipano: Utenti e operatori degli atelier di: Castelnovo né Monti, Correggio, Guastalla, Reggio Emilia, San Polo, Scandiano, Struttura a bassa soglia d’accesso Reggio Emilia Padre Prospero Rivi, Responsabile istituzionale Beni Culturali , Museo e Biblioteca Provinciali dei Frati Minori Cappuccini dell’Emilia Romagna Enrico Semrov, direttore area Reggio Emilia Servizio si salute mentale e dipendenze patologiche, Responsabile efficacia…
Torna a Bologna, dal 22 al 24 settembre 2017, Festival Francescano Nato nel 2009 per celebrare gli 800 anni dell’approvazione della prima regola di san Francesco d’Assisi, Festival Francescano desidera riscoprire, far conoscere, attualizzare e concretizzare i valori di Francesco d’Assisi, nella convinzione che possano aiutare ad affrontare e a superare le tante crisi – di identità, politiche, di valori, ambientali – che caratterizzano la nostra quotidianità. La figura di san Francesco, infatti, continua ad attrarre credenti e non credenti, persone affascinate da quella cultura del rispetto (per gli altri, per se stessi, per il creato) della quale il Santo Patrono d’Italia è incarnazione. Per far arrivare, anche ai più distanti, i valori francescani di fraternità, umiltà, carità, dialogo e pace, il Movimento Francescano dell’Emilia-Romagna, organizzatore dell’evento, ha scelto di affidarsi alla “formula festival”, creando una manifestazione che permette di uscire nelle piazze, tra la gente per annunciare il Vangelo,…
La  Biblioteca Provinciale dei Frati Minori Cappuccini dell’Emilia Romagna, nella sede di Reggi Emilia, grazie alla generosa donazione della signora Patrizia Salsi ha il piacere di presentare un’ importante acquisizione: la Sacra Bibbia con le illustrazioni di Salvador Dalì. Alla Signora Patrizia Salsi e alla sua famiglia va il nostro vivo ringraziamento «Biblia Sacra vulgatae editionis Sisti V pont. max. iussu recognita et Clementis VIII auctoritate edita imaginibus Salvatoris Dalì exornata  ( Milano, Rizzoli editore, 1967. 5 volumi )  CONVENTO DEI FRATI CAPPUCCINI sala Padre Daniele da Torricella, via Ferrari Bonini 2 Reggio Emilia Sabato 4 giugno alle ore 16 LA CONDIVISIONE DI UN PATRIMONIO PRESENTAZIONE DELLA DONAZIONE                       DELLA SACRA BIBBIA CON ILLUSTRAZIONI DI SALVADOR DALI’   Intervengono: Patrizia Salsi L’EMOZIONE DI UN VIAGGIO CONDIVISO   Padre  Prospero  Rivi LA BIBBIA ISPIRATRICE DELLA NOSTRA CIVILTÀ Responsabile Istituzionale Beni Culturali dei Frati Minori Cappuccini dell’Emilia Romagna Angela Bonomi Castelli TEMPI DI INCONTRI TRA ARTE E FEDE. INTERROGARE L’ESPERIENZA già Direttore della Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei di Villa Clerici-Milano Paolo Conforti DALÌ, UN MISTICO SURREALISTA DAGLI OROLOGI MOLLI ALL’IMMAGINE SACRA Giuseppe Albaretto, facoltoso collezionista e amico di Salvador Dalì, commissionò all'artista catalano una serie di dipinti "a tema". Le opere dovevano raffigurare passi della Vulgata, ossia della Bibbia tradotta in latino da San Girolamo nel IV secolo.  Fu così che, lavorando dal 1963 al 1964, Dalì dipinse 105 tra acquerelli e gouaches a carattere religioso. Accuratamente riprodotte, le opere andarono a illustrare i 5 volumi della preziosa Biblia Sacra, edita da Rizzoli nel 1967. Di questa sfarzosa opera, Rizzoli stampò 99 esemplari ’ad personam’, 199 in edizione ’magni luxus’ e 1.499 in edizioni ’luxus’. Gli esemplari delle edizioni ’ad personam’ e ’magni luxus’ erano accompagnati da un calco in oro della mano di Dalì, lavorato a mano, mentre gli esemplari…
La  Biblioteca Provinciale dei Frati Minori Cappuccini dell’Emilia Romagna, nella sede di Reggi Emilia, grazie alla generosa donazione della signora Patrizia Salsi ha il piacere di presentare un’ importante acquisizione: la Sacra Bibbia con le illustrazioni di Salvador Dalì. Alla Signora Patrizia Salsi e alla sua famiglia va il nostro vivo ringraziamento «Biblia Sacra vulgatae editionis Sisti V pont. max. iussu recognita et Clementis VIII auctoritate edita imaginibus Salvatoris Dalì exornata  ( Milano, Rizzoli editore, 1967. 5 volumi )  CONVENTO DEI FRATI CAPPUCCINI sala Padre Daniele da Torricella, via Ferrari Bonini 2 Reggio Emilia Sabato 4 giugno alle ore 16 LA CONDIVISIONE DI UN PATRIMONIO PRESENTAZIONE DELLA DONAZIONE                       DELLA SACRA BIBBIA CON ILLUSTRAZIONI DI SALVADOR DALI’   Intervengono: Patrizia Salsi L’EMOZIONE DI UN VIAGGIO CONDIVISO   Padre  Prospero  Rivi LA BIBBIA ISPIRATRICE DELLA NOSTRA CIVILTÀ Responsabile Istituzionale Beni Culturali dei Frati Minori Cappuccini dell’Emilia Romagna Angela Bonomi Castelli TEMPI…
Abecedario filosofico a bCd e f g h I lMno p q r s t u v z 4  maggio ore 21,00                                       Enzo Moietta:  Icome Inizio 11 maggio ore  21,00                                      Antonio Petrucci:  Mcome Male 18 maggio ore  21,00             AlessandroRamploud:    C come Cina/Cine     Biblioteca dei Frati Cappuccini PiazzaVallisneri1, ReggioEmilia Info:  tel. 0522.541934    Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Paolo Piazza, Fra’ Cosimo da Castelfranco (Castelfranco Veneto 1560 – Venezia 1621)  Angelo Annunciante e Madonna Annunciata L’attività di Paolo Piazza, cappuccino con il nome di Fra’ Cosimo da Castelfranco, segna di tappe artistiche vari convento sul suo transito e le chiamate per obbedienza. Così a Piacenza, un’Ultima Cena verso il 1610 ed a Reggio negli stessi anni esegue per l’altare maggiore una grande tela, San Francesco riceve le stimmate, ora perduta, fiancheggiata negli sportelli dell’ancona delle due scena dell’Annunciazione (F. da Mareto, 1955). Allievo a Venezia di Jacopo Palma il Giovane e forse di Paolo Veronese, si fece cappuccino nel 1597. Gli obblighi al servizio dei conventi lo portarono in ripetuti viaggi nell’Italia settentrionale, dove venne in contatto con le varie scuole pittoriche e le differenziate tendenze della cultura figurativa manieristica del tempo, lo fecero interprete vivace di istanze e di sperimentazioni assorbite durante le varie permanenze, rendendo il suo fare eclettico, improntato ad una guizzante verve descrittiva e d’immediatezza che a volte sfocia in originale bizzarria. Tali aspetti si notano nell’Annunciazione di Reggio, con richiami veneti, palmeschi ma anche di grafismo tintorettiano nell’allungarsi delle figure, nel distorto movimento degli atteggiamenti, nel prezioso cromatismo di accese tinte contrastate, ma soprattutto nell’eleganza formale dell’insieme che indulge in descrittivismi decorativi ed in preziosità del manierismo romano. L’attribuzione al piazza, già nella guida manoscritta del Fontanesi (1782), viene sempre ribadita fino alla più recente pubblicistica con vari apporti bibliografici di completamento Tratto da : F. Bonilauri – A. Garuti (a cura di), Le collezioni dei Cappuccini di Reggio Emilia, Bologna 1992, schede n. 84, pp. 99-100.
DAL '300 AD OGGI: RACCONTI SUI MURI  Il Museo dei  Frati Cappuccini, propone un ciclo di quattro incontri  sull’arte e la tecnica esecutiva dell’affresco.  Gli incontri saranno suddivisi in momenti teorici e pratici,  fr. Antonello Ferretti racconterà l’arte con parole ed immagini,             Maura Favali illustrerà la tecnica esecutiva dell’affresco con i corsisti parte attiva. Giotto  agli Scrovegni: storie di cielo L’eleganza delle pareti in Simone  Martini Cene ultime dalle catacombe a Perugino Dalle primordiali tracce di colore alla Street Art    Gli incontri si terranno presso  il  convento dei frati Cappuccini               in via Ferrari Bonini 2, dalle ore 20.30 alle ore 22,30   E’ possibile iscriversi al corso          del Mercoledì: 13 ;20; 27  aprile,     4 maggio          o del  Giovedì: 14; 21; 28  aprile,    5 maggio  Le iscrizioni si chiuderanno il 10 aprile                  Quota di partecipazione € 35  (comprensiva di   materiali) Per iscrizioni ed informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. telefonare al 0522.580720
Biblioteca dei Frati Cappuccini  -  Associazione BUS74 Unione Cattolica Italiana Insegnanti Medi  -  Libera Universita’ Il Crostolo in collaborazione con Dipartimento di Scienze e Metodi dell'Ingegneria UNIMORE Centro Studi “Lazzaro Spallanzani” -    Società Reggiana di Studi Storici con il patrocinio di Deputazione di Storia Patria per le Antiche Provincie Modenesi  sezione di Reggio Emilia   I GRANDI REGGIANI SUL SENTIERO DELLA SCIENZA       Mercoledì 9 marzo ore 17.30 Filippo  Re Intervengono: Enrico Bussi, Emiro Endrighi, Silvia Chicchi   Mercoledì 16 marzo ore 17.30 Antonio Vallisneri Intervengono: Dario Generali,  Benedino Gemelli   Mercoledì 30 marzo ore 17.30 Gaetano Chierici Intervengono: Roberto Macellari,  Aurelia Fresta                                                                 Mercoledì 6 aprile ore 17.30 Bonaventura Corti Intervengono: Stefano Meloni,  Enrica Manenti                                            Giovedì  14 aprile ore 17.30 Giuseppe Sforza   Intervengono: Fabrizio Anceschi,  Luigi Grasselli   Gli incontri si terranno presso il Convento dei Frati Cappuccini, sala Padre Daniele da Torricella, via Ferrari Bonini 2, Reggio Emilia info: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.     tel. 0522.541934
DAL '300 AD OGGI: RACCONTI SU MURO  Il Museo dei  Frati Cappuccini, propone un ciclo di quattro incontri  sull’arte e la tecnica esecutiva dell’affresco.  Gli incontri saranno suddivisi in momenti teorici e pratici,  fr. Antonello Ferretti racconterà l’arte con parole ed immagini,             Maura Favali illustrerà la tecnica esecutiva dell’affresco con i corsisti parte attiva. Giotto  agli Scrovegni: storie di cielo L’eleganza delle pareti in Simone  Martini  Cene ultime dalle catacombe a Perugino Dalle primordiali tracce di colore alla Street Art  Gli incontri si terranno presso  il  convento dei frati Cappuccini               in via Ferrari Bonini 2, dalle ore 20.30 alle ore 22,30   E’ possibile iscriversi al corso          del Mercoledì: 13 ;20; 27  aprile,     4 maggio          o del  Giovedì: 14; 21; 28  aprile,    5 maggio  Le iscrizioni si chiuderanno il 10 aprile                  Quota di partecipazione € 35 (comprensiva di   materiali) Per iscrizioni ed informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. telefonare al 0522.580720
Il museo dei Frati Cappuccini ospita la mostra " Gli atelier incontrano Francesco ",  in occasione della X Settimana della Salute Mentale  
                 DAL '300 AD OGGI: RACCONTI SU MURO Il Museo dei  frati Cappuccini, propone un ciclo  di quattro incontri sull’arte e la tecnica esecutiva dell'affresco  Gli incontri saranno suddivisi in momenti teorici e pratici,  fr. Antonello Ferretti racconterà l’arte con parole ed immagini,              Maura Favali illustrerà la tecnica esecutiva dell'affresco con i corsisti parte attiva.   Giotto  agli Scrovegni: storie di cielo   L’eleganza delle pareti in Simone  Martini    Cene ultime dalle catacombe a Perugino   Dalle primordiali tracce di colore alla Street Art    Gli incontri si terranno presso  il  convento dei frati Cappuccini                 in via Ferrari Bonini 2, dalle ore 20.30 alle ore 22,30     E’ possibile iscriversi al corso            del Mercoledì: 13 ;20; 27  aprile,     4 maggio            o del  Giovedì: 14; 21; 28  aprile,    5 maggio    Le iscrizioni si chiuderanno il 10 aprile                …
Bologna, piazza Maggiore 25/26/27 settembre La figura di San Francesco d'Assisi continua ad attrarre credenti e non credenti, persone affascinate da quella cultura del rispetto (per gli altri, per se stessi, per il Creato) della quale il Santo Patrono d'Italia si fece incarnazione. Come far arrivare, anche ai più distanti, i valori francescani di fraternità, umiltà, carità, dialogo, pace? Quale nuova frontiera per l'evangelizzazione? Il Movimento Francescano ha scelto di affidarsi alla "formula festival": una manifestazione che permette di uscire nelle piazze, tra la gente per annunciare il Vangelo, incontrando e rimanendo aperti al dialogo. Non era forse questo lo stile di Francesco, quando andava a trovare le persone, arrivando sino al Sultano in Terra Santa? Non piaceva forse anche a Francesco mescolare la preghiera al canto, la Parola alla poesia? Questo cerca di fare il Festival Francescano, naturalmente in chiave contemporanea. Negli anni scorsi, la spiritualità francescana è infatti passata anche attraverso le poesie di Alda Merini, il canto dell'israeliana Noa, le tele ispirate di Guido Reni... Tanti gli ospiti che hanno contribuito a fare luce sulla vicenda terrena del Santo e sulle sue implicazioni per l'Uomo di oggi. A tutti voi l'invito a partecipare all'evento: una festa per grandi e bambini, un'opportunità di approfondimento, un'occasione di spiritualità. Il Festival Francescano propone conferenze, spettacoli, cinema, arte... L'offerta culturale è di alto livello qualitativo, ma non fine a se stessa: sempre coerente è il legame tra le proposte e la tematica francescana, con una forte attinenza con l'attualità. Tutti vengono coinvolti: gli studenti con progetti didattici mirati, le famiglie con un intrattenimento pensato apposta per loro, i giovani con gli spettacoli musicali. Grande attenzione viene riposta nell'accostare ai momenti di festa, spazi di riflessione e di spiritualità profonda e importante è la dimensione della piazza, come luogo di incontro, di…
BOLOGNA , piazza Maggiore 25/26/27 settembre Il Festival Francescano debutta nel 2009 a Reggio Emilia dando vita ad una manifestazione che cerca di rispondere, con un linguaggio semplice e diretto, alle domande che pone la società contemporanea. Nello stile del santo di Assisi, sono i francescani a scendere nelle piazze e nelle strade portando alle persone il messaggio di San Francesco. La prima edizione, tenutasi il 25, 26 e 27 settembre 2009, è stata organizzata dai Frati Minori Cappuccini dell'Emilia-Romagna in collaborazione con l'Ordine Francescano Secolare e gli ordini religiosi femminili a loro vicini, con la presidenza di frate Dino Dozzi, in occasione delle celebrazioni per l'Ottavo Centenario della Regola dell'Ordine Francescano. Numerosi protagonisti del mondo intellettuale italiano hanno partecipato alla manifestazione, tra questi: l'economista Stefano Zamagni, la medievista Chiara Frugoni, lo storico Franco Cardini, il cantautore Lucio Dalla e la regista Liliana Cavani. Un intero territorio, con tutte le…
Giovedì 9 luglio alle ore 21, concerto del maestro MARCELLO MAZZONI nel chiostro del convento dei frati Cappuccini (Via Ferrari Bonini, 2 - Reggio Emilia). Il maestro Marcello Mazzoni esegue "Aspettando i Berliner Philharmoniker, anteprime musicali di Franz Liszt" I concerti sono ad ingresso libero e le offerte saranno a favore della Mensa del Povero gestita dai frati Cappuccini. A cura del Museo dei Cappuccini con la collaborazione dell'Associazione BUS74.In caso di maltempo il concerto si tiene nella chiesa dei Cappuccini.   Musica ed atmosfera nel chiostro del convento dei frati Cappuccini Mercoledì 14 giugno alle ore 21 aprirà la rassegna "MUSICA ED ATMOSFERA NEL CHIOSTRO DEL CONVENTO DEI FRATI CAPPUCCINI", con due concerti nel chiostro del convento dei frati Cappuccini in via Ferrari Bonini 2 a Reggio Emilia. Sarà il concerto "Chiostro in Jazz" del Twins Quintet, mercoledì 24 giugno alle ore 21, il primo dei due appuntamenti, poi giovedì 9 luglio alle ore 21 il concerto per pianoforte "Aspettando i Berliner Philharmoniker, anteprime musicali di Franz Liszt" a cura del maestro Marcello Mazzoni. La rassegna, che si concluderà il 26 agosto con "Arte e iconologia in museo", è curata dal Museo dei frati Cappuccini con il contributo del comune di Reggio Emilia, nell'ambito de I reggiani, per esempio. Le serate sono anche occasioni per conoscere un luogo appartato della nostra città, i concerti si terranno in un suggestivo chiostro dei tre presenti all'interno del convento. I concerti sono ad ingresso libero e le offerte saranno a favore della Mensa del Povero gestita dai frati Cappuccini. Marcello Mazzoni nasce a Reggio Emilia e comincia gli studi nel locale Istituto Musicale "Achille Peri", ottenendo poi il diploma in pianoforte presso il Conservatorio "C. Monteverdi" di Bolzano. Prosegue l'iter all'Accademia di Imola, perfezionandosi per quattro anni con grandi concertisti e insigni…
ULTIMI GIORNI PER VISITARE LA MOSTRA HERCULANEUM,  APERTURA STRAORDINARIA Venerdì 26 giugno ore 21,00 con visita guidata  alla presenza del fotografo Marcello Grassi e del curatore Massimo Mussini  ULTIMI GIORNI PER VISITARE LA MOSTRA HERCULANEUM  Il Museo dei Frati Cappuccini, con fr. Prospero Rivi, responsabile istituzionale dei Beni Culturali e del Museo Provinciale dei  Frati Minori Cappuccini, fr. Antonello Ferretti responsabile dell'attività didattica e Maura Favali responsabile delle attività dei Beni Culturali e del Museo Provinciale, è lieto di presentare    HERCULANEUM di Marcello Grassi a cura di Massimo Mussini   La mostra che fa parte del circuito ufficiale sarà aperta dal 15 maggio al 28 giugno dal 23 maggio al 28 giugno sabato, domenica e festivi  h. 10 – 12;  16 – 19  MUSEO DEI FRATI CAPPUCCINI via Ferrari Bonini 6, Reggio Emilia  tel.  0522. 580720  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  www.fotografiaeuropea.it   Visione o veduta? Questo è l'enigma che ci si dovrebbe porre davanti a un immagine, qualunque essa sia, anche fotografica, ma spesso si lascia da parte la domanda o ci si accontenta di trovare nella seconda parte di essa la risposta.È ovvio che per tutti l'immagine è veduta, anzi oggettivamente e primariamente lo è in quanto ritrae qualcosa che i nostri sensi (con la presenza o meno di strumenti tecnici che mediano) percepiscono e dal quale sono feriti o del quale sono invaghiti. Ma l'occhio ha pure una sua funzione metafisica della quale non ci dobbiamo mai dimenticare: esso è in grado di elevare ad elemento archetipico, ideale, essenziale (ed è in questo ambito semantico che pongo il termine visione) - spesso anche senza rendersene conto - ciò che è calato nel fluire del divenire. E in questo modo ciò che di per se è particolare diventa simbolo di qualcosa che è universale e va oltre la dimensione fisico-sensoriale, liberando così…
INAUGURAZIONE  Venerdì 15 Maggio ore 19,00 HERCULANEUM di Marcello Grassi a cura di Massimo Mussini INAUGURAZIONE  Venerdì 15 maggio alle ore 19,00   Fr. Prospero Rivi, responsabile istituzionale dei Beni Culturali e del Museo Provinciale dei  Frati Minori Cappuccini, fr. Antonello Ferretti responsabile dell'attività didattica e Maura Favali responsabile delle attività dei Beni Culturali e del Museo Provinciale  sno lieti di invitarvi all'inaugurazione della  mostra  HERCULANEUM. Orari d’apertura nelle giornate inaugurali: venerdì 15  h. 19 - 24 sabato 16 e domenica 17  h. 10 – 24 dal 23 maggio al 28 giugno sabato, domenica e festivi  h. 10 – 12;  16 – 19    MUSEO DEI FRATI CAPPUCCINI via Ferrari Bonini 6, Reggio Emilia  tel.  0522. 580720  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   www.fotografiaeuropea.it 
  FESTIVAL FRANCESCANO 2015Bologna, piazza Maggiore 25/26/27 settembreIl Festival Francescano debutta nel 2009 a Reggio Emilia dando vita ad una manifestazione che cerca di rispondere, con un linguaggio semplice e diretto, alle domande che pone la società contemporanea. Nello stile del santo di Assisi, sono i francescani a scendere nelle piazze e nelle strade portando alle persone il messaggio di San Francesco. La prima edizione, tenutasi il 25, 26 e 27 settembre 2009, è stata organizzata dai Frati Minori Cappuccini dell'Emilia-Romagna in collaborazione con l'Ordine Francescano Secolare e gli ordini religiosi femminili a loro vicini, con la presidenza di frate Dino Dozzi, in occasione delle celebrazioni per l'Ottavo Centenario della Regola dell'Ordine Francescano. Numerosi protagonisti del mondo intellettuale italiano hanno partecipato alla manifestazione, tra questi: l'economista Stefano Zamagni, la medievista Chiara Frugoni, lo storico Franco Cardini, il cantautore Lucio Dalla e la regista Liliana Cavani. Un intero territorio, con tutte…
Martedì 10 Marzo alle ore 21,00, in occasione della mostra ECCLESIA SUGGESTIONI DALLE CHIESE REGGIANE, si terrà una conferenza: " ARTE RELIGIOSA - ARTE CRISTIANA - ARTE LITURGICA  ( SACRA ) ? " con monsignor Tiziano Ghirelli, Direttore dell'Ufficio Diocesano per i Beni Culturali della Chiesa e Nuova edilizia di Culto; professor Giuseppe Berti, storico dell'arte. La conferenza avrà luogo nel refettorio del convento dei frati Cappuccini in via Ferrari Bonini 2.
Nella chiesa dei frati Cappuccini in via Ferrari Bonini, Sabato 14 marzo 2015 alle ore 21 avrà luogo il concerto: “ Intendomi chi può che m’intend’io “ Cantus firmus e musica figurata: intrecci fra polifonia, canto gregoriano e musica per tastiera Coro della Cappella Musicale San Francesco da Paola di Reggio Emilia Silvia Perucchetti direttore Renato Negri organo L’evento è ad ingresso libero. Le offerte saranno devolute alla MENSA DEL POVERO Programma  Anonimo (erroneamente attribuito a Tomas Luis de Victoria) (secc. XVI-XVII) Ave Maria  mottetto per coro a quattro voci Jesu dulcis memoria  mottetto per coro a quattro voci Canto gregoriano (Guido d'Arezzo?) XI sec. Ut queant laxis resonare fibris, inno dedicato a S. Giovanni Francesco della Porta (Monza, 1600 – Milano, 1667)         Ricercare supra ut re mi fa sol la per organo Orlando di Lasso     (Mons, 1532 – München, 1594)            Ut queant laxis, inno per coro a cinque voci  Girolamo Frescobaldi (Ferrara, 1583 – Roma, 1643) Ricercar con obligo del Basso come apare dalla Messa degli Apostoli (dai Fiori Musicali, 1635) per organo Tomas Luis de Victoria (Avila, 1548 - Madrid, 1611) Ut queant laxis, inno per coro a quattro voci in alternatim con il canto gregoriano Claudio Merulo (Correggio, 1533 – Parma 1604) Versetti sul Kyrie (dalla Missa domenicalis) per organo e canto gregoriano Cipriano de Rore (Ronse, 1515 o 1516 – Parma, 1565) Anchor che col partire madrigale per coro a quattro voci             Cipriano de Rore Anchor che col partire madrigale a quattro voci intavolato al cembalo da Andrea Gabrieli (Venezia, 1533 circa – Venezia, 1585) Canto gregoriano Veni Redemptor gentium, inno  Francisco Guerrero (Siviglia, 1528 – ivi, 1599) Lauda Mater Ecclesia, inno per coro a quattro voci in alternatim con il canto gregoriano Girolamo Frescobaldi (Ferrara, 1583 – Roma, 1643) Toccata avanti il Ricercare, Ricercar…
Il Museo dei Cappuccini, il Circolo degli Artisti e il Museo Diocesano di Reggio Emilia presentano, dal 28 febbraio al 22 marzo 2015, “Ecclesia, Suggestioni dalle chiese reggiane”. Un ipotetico viaggio attraverso gli edifici religiosi della diocesi, tradotti in opere pittoriche, scultoree, fotografiche e digitali da ventiquattro autori iscritti all’associazione reggiana. La mostra sarà ufficialmente inaugurata sabato 28 febbraio, alle ore 17.00, presso il Museo dei Cappuccini (Via Ferrari Bonini, 6), alla presenza di Tiziano Ghirelli (Direttore dell’Ufficio Diocesano Beni Culturali, Nuova Edilizia di Culto e Museo Diocesano), Prospero Rivi (Responsabile istituzionale dei Beni Culturali e Museo Provinciale  dei Frati Minori Cappuccini dell’Emilia Romagna), Enrico Manicardi (Presidente del Circolo degli Artisti), Maura Favali (Responsabile dei Beni Culturali e Museo Provinciale dei Frati Minori Cappuccini dell’Emilia Romagna ) e Daniele Lunghini (ideatore del progetto). In esposizione, una quarantina di opere realizzate per l’occasione da Marco Arduini, Alessandra Binini, Maria Grazia Candiani, Caterina Coluccio, Lorenzo Criscuoli, Antonella Davoli, Guido Ferrari, Barbara Giavelli, Stefano Grasselli, Nero Levrini, Roberta Lodi Rizzini, Daniele Lunghini, Clara Matelli, Epifanio Mestica, Annalisa Mori, Aida Palmieri, Carmen Panciroli, Eugenio Paterlini, Oscar Piovosi, Rodolfo Pisi, Sergio Rabitti, Michele Sassi, Donatella Violi, Enzo Zanni. La collettiva sarà visitabile fino al 22 marzo 2015, sabato ore 16.00-19.00, domenica ore 10.00-12.00 e 16.00-19.00. Nell’ambito della mostra, martedì 10 marzo, alle ore 20.45, si terrà una conversazione tra Tiziano Ghirelli e Giuseppe Berti sul tema “Arte religiosa, arte cristiana, arte liturgica”.   Ingresso gratuito.   
Entro il 21 febbraio è possibile iscriversi al ciclo di quattro incontri sull’arte e la tecnica esecutiva dell'olio su tavola del 1500 proposto dal Museo dei Cappuccini. Gli incontri saranno suddivisi in momenti teorici e pratici. Fr. Antonello Ferretti racconterà l’arte con parole ed immagini, Maura Favali  illustrerà la tecnica esecutiva dell'olio su tavola su tavola con i corsisti parte attiva. Gli incontri:* Storie da contemplare: da Vittore Carpaccio a Giovanni Bellini * Giorgione: un pittore per pochi eletti* Tiziano: una lunga stagione di colori * Una pacata riflessione: l'arte di Tintoretto Gli incontri si terranno presso il Convento dei frati Cappuccini di Reggio Emilia in via Ferrari Bonini 2, dalle ore 20.30 . E’ possibile iscriversi al corso del mercoledì (25 febbraio, 4; 11; 18 marzo) o al corso del giovedì (26 febbraio, 5; 12; 19 marzo). Chiusura delle iscrizioni: 21 febbraioQuota di partecipazione (comprensiva di materiali): 35 euro. Per iscrizioni ed informazioni: Tel. 0522.580720 dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 13 o via mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Il Museo dei Cappuccini, il Circolo degli artisti e il Museo Diocesano di Reggio Emilia presentano, dal 28 febbraio al 22 marzo 2015, “Ecclesia, Suggestioni dalle chiese reggiane”. Un ipotetico viaggio attraverso gli edifici religiosi della diocesi, tradotti in opere pittoriche, scultoree, fotografiche e digitali da ventiquattro autori iscritti all’associazione reggiana. La mostra sarà ufficialmente inaugurata sabato 28 febbraio, alle ore 17.00, presso il Museo dei Cappuccini (Via Ferrari Bonini, 6), alla presenza di Tiziano Ghirelli (Direttore dell’Ufficio Diocesano Beni Culturali, Nuova Edilizia di Culto e Museo Diocesano), Prospero Rivi (Responsabile istituzionale dei Beni Culturali e Museo Provinciale  dei Frati Minori Cappuccini dell’Emilia Romagna), Enrico Manicardi (Presidente del Circolo degli Artisti), Maura Favali (Responsabile dei Beni Culturali e Museo Provinciale dei Frati Minori Cappuccini dell’Emilia Romagna ) e Daniele Lunghini (ideatore del progetto). In esposizione, una quarantina di opere realizzate per l’occasione da Marco Arduini, Alessandra Binini, Maria Grazia Candiani,…
E’ degno di perenne memoria e di devota celebrazione quello che il Santo realizzò tre anniprima della sua gloriosa morte, a Greccio, il giorno del Natale del Signore. Circa due settimane prima della festa della Natività, il beato Francesco, come spessofaceva, chiamò a se Giovanni il semplice e gli disse: "Se vuoi che celebriamo a Greccioil Natale di Gesù, precedimi e prepara quanto ti dico: vorrei rappresentare il Bambinonato a Betlemme, e in qualche modo vedere con gli occhi del corpo i disagi in cui si ètrovato per la mancanza delle cose necessarie a un neonato, come fu adagiato in unagreppia e come giaceva sul fieno tra il bue e l'asinello".Appena l'ebbe ascoltato, il fedele e pio amico se ne andò sollecito ad approntare nel luogodesignato tutto l'occorrente, secondo il disegno esposto dal Santo. In quella scena commovente risplende la semplicità evangelica, si loda la povertà, siraccomanda l'umiltà. Greccio è divenuto come una nuova Betlemme. Questa…
Dal 2 al 27 dicembre quattro eventi a ingresso libero nella Chiesa dei Cappuccini e nel Cinema Cristallo di via Ferrari Bonini a Reggio Emilia per la rassegna "Andando verso…". Al Cristallo due film che offrono numerosi spunti di riflessione: martedì 2 dicembre alle 21 il documentario "Fedele alla linea - Giovanni Lindo Ferretti" per la regia di Germano Maccioni con interpreti Giovanni Lindo Ferretti e la Corte Transumante di Nasseta; martedì 9 dicembre, sempre alle 21, il film di Emilio Estevez "Il cammino per Santiago" (The way) con Martin Sheen, oltre allo stesso Estevez. Nella Chiesa dei Cappuccini alle 21 venerdì 19 dicembre il Concerto di Natale con Valentina Vanini (mezzosoprano), Maria Claudia Bugli (soprano), Agatha Bocedi (arpa), l'Orchestra da Camera dell'Associazione Musicale Adagio e Fuorioso RE e Francesca Galeotti (organo). Direttore: Stefano Acerbi. Musiche di Bach, Haendel, Pachelbel,Faurè, Offenbach, Verdi. Sabato 27 dicembre alle 21 Rassegna Corale con musiche del repertorio tradizionale natalizio, classico e popolare. Con la partecipazione di: "Coro Città di Castellarano" (direttore Marco Guidorizzi), "Coro di Redù" di Nonantola (direttore Stefano Moreali), "Coro polifonico La Corbella" di Campagnola Emilia (Direttore Paola Tognetti), "Corale Sam Rocco" di Montefiorino (direttore Pier Alberto Bernabei). INFO: 0522 580720 - 431697 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   la locandina degli eventi (pdf)
Entro il 21 febbraio è possibile iscriversi al ciclo di quattro incontri sull’arte e la tecnica esecutiva dell'olio su tavola del 1500 proposto dal Museo dei Cappuccini. Gli incontri saranno suddivisi in momenti teorici e pratici. Fr. Antonello Ferretti (amante dell’arte) racconterà l’arte con parole ed immagini, Maura Favali (restauratrice) illustrerà la tecnica esecutiva dell'olio su tavola su tavola con i corsisti parte attiva. Gli incontri:* Storie da contemplare: da Vittore Carpaccio a Giovanni Bellini *  Giorgione: un pittore per pochi eletti* Tiziano: una lunga stagione di colori * Una pacata riflessione: l'arte di Tintoretto Gli incontri si terranno presso il Convento dei frati Cappuccini di Reggio Emilia in via Ferrari Bonini 2, dalle ore 20.30 . E’ possibile iscriversi al corso del mercoledì (25 febbraio, 4; 11; 18 marzo) o al corso del giovedì (26 febbraio, 5; 12; 19 marzo). Chiusura delle iscrizioni: 21 febbraioQuota di partecipazione (comprensiva di materiali): 35 euro. Per iscrizioni ed informazioni: Tel. 0522.580720 dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 13 o via mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Il 4 ottobre, festa di San Francesco, è stata inaugurata al Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia (Via Ferrari Bonini, 6) la mostra “Dalla Terra ai frati alla luna di Astolfo” che dà il titolo a una serie di eventi proposti dal Polo culturale dei Cappuccini dell’Emilia Romagna, in collaborazione con l'Azienda Usl di Reggio Emilia, in occasione delle celebrazioni per il 540° anniversario della nascita di Ludovico Ariosto. Il 2 ottobre, infatti, al Cinema Cristallo è andato in scena lo spettacolo “Sulle ali della follia” della Compagnia teatrale dell’OPG di Reggio Emilia, con la regia di Monica Franzoni, al quale è seguito un dibattito. Mercoledì 8 ottobre, alle 17, è invece la volta della conferenza “Incontro con Ludovico Ariosto” presso la Biblioteca Provinciale dei Cappuccini. La mostra - organizzata dal Museo dei Cappuccini della IX Settimana della salute mentale in collaborazione con l'Archivio dell’ex Ospedale psichiatrico San Lazzaro -…
Entro il 25 ottobre è possibile iscriversi al ciclo di quattro incontri sull’arte e la tecnica esecutiva della tempera su tavola del 1400 proposto dal Museo dei Cappuccini. Gli incontri saranno suddivisi in momenti teorici e pratici. Fr. Antonello Ferretti (amante dell’arte) racconterà l’arte con parole ed immagini, Maura Favali (restauratrice) illustrerà la tecnica esecutiva della tempera all’uovo su tavola con i corsisti parte attiva. Gli incontri:* L’officina ferrarese: Cosmè Tura, Francesco del Cossa, Ercole de Roberti e la corte Estense * Antico e moderno nella poetica di Andrea Mantegna * Nella bottega dello Squarcione : Andrea Crivelli e Marco Zoppo * Da Istanbul a Venezia: le origini del rinascimento veneto Gli incontri si terranno presso il Convento dei frati Cappuccini di Reggio Emilia in via Ferrari Bonini 2, dalle ore 20.30 . E’ possibile iscriversi al corso del mercoledì (29 ottobre, 5; 12; 19 novembre) o al corso del giovedì (30 ottobre, 6; 13; 20 novembre). Chiusura delle iscrizioni: 25 ottobreQuota di partecipazione (comprensiva di materiali): 35 euro. Per iscrizioni ed informazioni: Tel. 0522.580720 dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 13 o via mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Alle ore 21 per la decima edizione della rassegna "Soli Deo Gloria" nella chiesa dei Cappuccini di Reggio Emilia (Via Ferrari Bonini, 2) il concerto "AERCO Associazione Emiliano Romagnola Cori" con i Cori reggiani:Corale Essetti Major, direttore da Matteo Grulli Coro Vocinsieme, direttori Corrado Pessina e Ilaria Cavalca RegospelCoro, direttore Navid Mirzadeh Coro Vocilassù, direttore Armando Saielli www.solideogloria.eu E' l’organo, di cui Reggio Emilia custodisce pregevoli esemplari, lo strumento principe di Soli Deo Gloria – Organi, Suoni e Voci della Città, prestigiosa rassegna che per tutto il 2014 propone un ricco programma di concerti – tutti ad ingresso gratuito – nelle chiese della città e della provincia di Reggio Emilia. Fra gli interpreti di questa decima edizione, alcuni nomi di grande prestigio, quali Ottavio Dantone, Fabio Biondi, il Bach Cantata Choir di Okayama (Giappone) insieme ai Solisti Filarmonici Italiani di Federico Guglielmo, Peppe Servillo con il pianista Antonio Ballista e la soprano Lorna Windsor, la Kantorei Musicum Stiftskirche di Herrenberg (Germania). A questi nomi blasonati si aggiungono i cori locali e una folta schiera di bravissimi giovani organisti e interpreti anche reggiani, o comunque legati alla città. Soli Deo Gloria è una rassegna diretta da Renato Negri e promossa dal Servizio Istituzioni Culturali del Comune di Reggio Emilia, dalle Circoscrizioni Città Storica, Nordest, Ovest, Sud, dall’Istituto Superiore di Studi Musicali di Reggio Emilia e Castelnovo ne’ Monti “Achille Peri – Claudio Merulo”, dal Museo Diocesano, dai Comuni di Albinea, Cadelbosco di Sopra, Campegine, Carpineti, Rubiera, Sant’Ilario d’Enza, San Martino in Rio, Viano, da Reggio Iniziative Culturali, Capella Regiensis e Fondazione Pietro Manodori.
Giovedì 2 ottobre, alle 20.30, al Cinema Cristallo (Via Ferrari Bonini, 4 - Reggio Emilia) va in scena “Sulle ali della follia”, spettacolo della Compagnia teatrale dell’OPG di Reggio Emilia. Regia di Monica Franzoni. Organizzato dal Cinema Cristallo in collaborazione con il Dipartimento di salute mentale e dipendenze patologiche dell’Azienda Usl di Reggio Emilia.Lo spettacolo della Compagnia teatrale dell’OPG di Reggio Emilia (diretta da Monica Franzoni, nella foto), che intreccia le ottave dell’Orlando furioso alle testimonianze dei ricoverati, che parlano di rancori repressi, di violenze quotidiane, di rituali ripetuti per rimanere in equilibrio sul filo della normalità, ma anche di storie d’amore finite male, di droga e di alcol, oppure raccontano come i pensieri ad un tratto comincino a incastrarsi nel cervello, a farsi ossessivi e di come alla fine ti vincano. A seguire tavola rotonda con la partecipazione di Delia Francavilla, Gaddomaria Grassi, Albarosa Paganelli, fr. Antonello Ferretti; coordina Maura Favali. In data da definirsi: Proiezione a tema   INFO: Tel. 0522 580720 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   Lo spettacolo è parte della serie di eventi "Dalla Terra ai frati alla luna di Astolfo" proposti dal Polo culturale dei Cappuccini dell’Emilia Romagna, in collaborazione con l'Azienda Usl di Reggio Emilia,  in occasione delle celebrazioni per il 540° anniversario della nascita di Ludovico Ariosto. Dal 4 ottobre al 9 Novembre Al Museo dei Cappuccini (Via Ferrari Bonini, 6 - Reggio Emilia) mostra “Dalla Terra ai frati alla luna di Astolfo” (inaugurazione sabato 4 ottobre ore 16.30) organizzata dal Museo dei Cappuccini in collaborazione con l'Archivio dell’ex Ospedale psichiatrico San Lazzaro. A cura di Maura Favali, restauratrice, Responsabile Attività Beni Culturali e Museo dei Cappuccini dell'Emilia Romagna, in collaborazione con fr. Antonello Ferretti.L’esposizione comprende due sezioni: la prima legata all'aspetto storico documentario con l’esposizione delle cinquecentine delle opere di Ariosto e dei documenti…
Dal 2 ottobre al 9 novembre 2014 il Polo culturale dei Cappuccini dell’Emilia Romagna, in collaborazione con l'Azienda Usl di Reggio Emilia, propone la serie di eventi “Dalla Terra ai frati alla luna di Astolfo”, in occasione delle celebrazioni per il 540° anniversario della nascita di Ludovico Ariosto. Giovedì 2 ottobre - ore 20.30Al Cinema Cristallo (Via Ferrari Bonini, 4 - Reggio Emilia): “Sulle ali della follia”, spettacolo della Compagnia teatrale dell’OPG di Reggio Emilia. Regia di Monica Franzoni. Organizzato dal Cinema Cristallo in collaborazione con il Dipartimento di salute mentale e dipendenze patologiche dell’Azienda Usl di Reggio Emilia.Lo spettacolo della Compagnia teatrale dell’OPG di Reggio Emilia (diretta da Monica Franzoni), che intreccia le ottave dell’Orlando furioso alle testimonianze dei ricoverati, che parlano di rancori repressi, di violenze quotidiane, di rituali ripetuti per rimanere in equilibrio sul filo della normalità, ma anche di storie d’amore finite male, di droga e…
La musica del celebre fisarmonicista Paolo Gandolfi ha accompagnato il 18 giugno l'inaugurazione delle esposizioni "In Viaggio con Francesco e Scarsellino" presso il Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia (Via Ferrari Bonini, 6). Il  viaggio  da sempre si pone come metafora dell’esistenza umana e può esprimere  valenze legate alle diverse età e situazioni della vita di ogni individuo, il Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia intende offrire un momento di riflessione storico - artistico - spirituale sul senso del pellegrinaggio e del viaggio in generale. Il viaggio nella sua dimensione di fuga, pellegrinaggio, condivisione, presenza e spiritualità è al centro di esposizioni ed allestimenti che conducono lo spettatore nella dimensione del percorrere strade sia fisiche che di altra natura. Il tema biblico della fuga in Egitto, e del trasporto al Sepolcro con i dipinti dello Scarsellino (Ippolito Scarsella, Ferrara 1550 - 1620) conducono a condividere la condizione della fuga e del viaggio. Ci richiamano all’importanza del riposo, aspetto così rilevante perché il viaggio sia vero e significativo. Il pellegrinaggio a Santiago di Compostella è raccontato con una significativa scelta di immagini con sfaccettature tipicamente francescane che consentono di conoscere il legame tra il poverello d’Assisi, la spiritualità francescana, il lontano Santuario della Galizia. I sandali di fra Gioacchino da Montetiffi sono i narratori di una esperienza ormai così lontana da sembrare quasi una leggenda: il frate questuante che camminando lungo le strade incontra persone a cui chiedere e a cui dare. In fuga e in viaggio verso l’ignotoEsposizione di due dipinti di Ippolito Scarsella detto lo Scarsellino (Ferrara 1550- 1620) In viaggio verso una meta - Nel segno del Tau e della ConchigliaMostra fotografica a cura di: Paolo Caucci von Saucken, Raffaella Rossi, Consorzio Umbria & Francesco's Ways Perugia. Partendo dalla tradizione del pellegrinaggio di san Francesco a Santiago de…
Il  viaggio  da sempre si pone come metafora dell’esistenza umana e può esprimere  valenze legate alle diverse età e situazioni della vita di ogni individuo, il Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia intende offrire un momento di riflessione storico - artistico - spirituale sul senso del pellegrinaggio e del viaggio in generale. Il viaggio nella sua dimensione di fuga, pellegrinaggio, condivisione, presenza e spiritualità è al centro di esposizioni ed allestimenti che conducono lo spettatore nella dimensione del percorrere strade sia fisiche che di altra natura. Il tema biblico della fuga in Egitto, e del trasporto al Sepolcro con i dipinti dello Scarsellino (Ippolito Scarsella, Ferrara 1550 - 1620) conducono a condividere la condizione della fuga e del viaggio. Ci richiamano all’importanza del riposo, aspetto così rilevante perché il viaggio sia vero e significativo. Il pellegrinaggio a Santiago di Compostella è raccontato con una significativa scelta di immagini con sfaccettature…
La musica del celebre fisarmonicista Paolo Gandolfi accompagnerà, mercoledì 18 giugno alle 21, l'inaugurazione delle esposizioni "In Viaggio con Francesco e Scarsellino" presso il Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia (Via Ferrari Bonini, 6). Nel corso della serata degustazione del fagotto del viandante. Il  viaggio  da sempre si pone come metafora dell’esistenza umana e può esprimere  valenze legate alle diverse età e situazioni della vita di ogni individuo, il Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia intende offrire un momento di riflessione storico - artistico - spirituale sul senso del pellegrinaggio e del viaggio in generale. Il viaggio nella sua dimensione di fuga, pellegrinaggio, condivisione, presenza e spiritualità è al centro di esposizioni ed allestimenti che conducono lo spettatore nella dimensione del percorrere strade sia fisiche che di altra natura. Il tema biblico della fuga in Egitto, e del trasporto al Sepolcro con i dipinti dello Scarsellino (Ippolito Scarsella, Ferrara 1550 - 1620) conducono a condividere la condizione della fuga e del viaggio. Ci richiamano all’importanza del riposo, aspetto così rilevante perché il viaggio sia vero e significativo. Il pellegrinaggio a Santiago di Compostella è raccontato con una significativa scelta di immagini con sfaccettature tipicamente francescane che consentono di conoscere il legame tra il poverello d’Assisi, la spiritualità francescana, il lontano Santuario della Galizia. I sandali di fra Gioacchino da Montetiffi sono i narratori di una esperienza ormai così lontana da sembrare quasi una leggenda: il frate questuante che camminando lungo le strade incontra persone a cui chiedere e a cui dare. In fuga e in viaggio verso l’ignotoEsposizione di due dipinti di Ippolito Scarsella detto lo Scarsellino (Ferrara 1550- 1620) In viaggio verso una meta - Nel segno del Tau e della ConchigliaMostra fotografica a cura di: Paolo Caucci von Saucken, Raffaella Rossi, Consorzio Umbria & Francesco's Ways Perugia. Partendo…
Mostra fotografica a cura di Paolo Caucci von Saucken, Raffaella Rossi, Consorzio Umbria & Francesco's Ways Perugia. Partendo dalla tradizione del pellegrinaggio di san Francesco a Santiago de Compostella, la mostra, attraverso una significativa scelta di immagini, intende ripercorrere il suo possibile itinerario. In viaggio verso una meta - Nel segno del Tau e della Conchiglia è parte dell'esposizione"In Viaggio con Francesco e Scarsellino, allestita dal 18 giugno al 23 luglio presso il Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia (Via Ferrari Bonini, 6).   Il  viaggio  da sempre si pone come metafora dell’esistenza umana e può esprimere  valenze legate alle diverse età e situazioni della vita di ogni individuo, il Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia intende offrire un momento di riflessione storico - artistico - spirituale sul senso del pellegrinaggio e del viaggio in generale. Presso il Museo dei Cappuccini il viaggio nella sua dimensione di fuga, pellegrinaggio, condivisione, presenza e spiritualità è al centro di esposizioni ed allestimenti che conducono lo spettatore nella dimensione del percorrere strade sia fisiche che di altra natura. Il tema biblico della fuga in Egitto, e del trasporto al Sepolcro con i dipinti dello Scarsellino (Ippolito Scarsella, Ferrara 1550 - 1620) conducono a condividere la condizione della fuga e del viaggio. Ci richiamano all’importanza del riposo, aspetto così rilevante perché il viaggio sia vero e significativo. Il pellegrinaggio a Santiago di Compostella è raccontato con una significativa scelta di immagini con sfaccettature tipicamente francescane che consentono di conoscere il legame tra il poverello d’Assisi, la spiritualità francescana, il lontano Santuario della Galizia. I sandali di fra Gioacchino da Montetiffi sono i narratori di una esperienza ormai così lontana da sembrare quasi una leggenda: il frate questuante che camminando lungo le strade incontra persone a cui chiedere e a cui dare. In fuga e…
Il Brasile è un Paese di forti contraddizioni. La ricchezza aumenta, ma la realtà  è fatta di pochi ricchi che diventano sempre più ricchi e di moltissimi poveri che lo diventano sempre di più. Le enormi disuguaglianze tra la popolazione provocano gravi tensioni sociali e in questo contesto si inseriscono i cristiani con le loro comunità, la preghiera e l'impegno per cambiare le cose. “Il Vangelo è il grido di libertà degli oppressi ed è, allo stesso tempo, un grido di denuncia contro ogni forma di esclusione e di prevaricazione dei forti contro i deboli”, scrive don Paolo Cugini nel suo “Rivoluzione. Quando il Vangelo smuove le montagne. Diario di una trasformazione politica nonviolenta nel Nordest brasiliano” (ed. EMI), diario del sacerdote reggiano, 52enne, sulla sua esperienza nello nello stato di Bahia, dove è stato parroco e professore di filosofia nella facoltà cattolica di Feira de Santana. Il 7 maggio don Cugini ha raccontato quello che è descritto nel suo libro al pubblico che ha riempito la sala "padre Daniele da Torricella" di Via Ferrari Bonini nell'incontro organizzato dal Polo Culturale dei Cappuccini di Reggio Emilia e introdotto da frate Antonello Ferretti. Il sacerdote con le sue parole ha fatto rivivere, in particolare, la sua lotta e, quella della sua comunità, contro la corruzione, impersonificata da un sindaco impegnato nella campagna elettorale per farsi rieleggere, un anno intensissimo che alla fine ha visto il sindaco sconfitto dal voto popolare. Come ha spiegato l'autore del libro, l’amore del Vangelo si fa spontaneamente azione politica, oltre e prima di complesse elaborazioni teoriche o di rivendicazioni di appartenenza a questo o quel “credo teologico-politico” (come ad esempio la tanto discussa “teologia della liberazione”): “La fede nel Signore, la sequela di Gesù in questi contesti di povertà e di oppressione richiede una costante attenzione…
Resteranno aperte fino al 15 giugno al Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia (Via Ferrari Bonini 6) le mostre "Oltre" del Circolo degli Artisti di Reggio Emilia, a cura di Giuseppe Berti" e "Osservando e pensando" del Circolo Foto Cine Club C.S.R.C. Portuali di Ravenna a cura di Maurizio Tanzi. Le mostre sono organizzate dal Polo Culturale dei Cappuccini di Reggio Emilia, nell'ambito di Fotografia Europea 2014. L'evento ha il patrocinio dell'Accademia d'arte fotografica europea. All'inaugurazione del 3 maggio sono intervenuti, tra gli altri, la responsabile delle attività del Polo Culturale dei Cappuccini di Reggio Emilia Maura Favali, il presidente del Circolo degli Artisti Enrico Manicardi, il direttore artistico dello stesso circolo Giuseppe Berti e il sociologo, giornalista e fotografo Enzo Carli.   OltreCircolo degli Artistia cura di Giuseppe Berti Oltre lo sguardo consueto; Oltre l'ordine noto delle cose; Oltre il profilo quotidiano della realtà;Oltre noi si apre un varco,…
Il 17 maggio, dalle 16 alle 23, per "La Notte dei Musei" il Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia propone la visita alla mostra "Di porta in porta, i sandali consumati di fra Gioacchino" che viene inaugurata per l'occasione e che resterà aperta fino al 25 luglio. «...servendo al Signore in povertà ed umiltà, vadano per l’elemosina con fiducia...»San Francesco - Regola bollata VI, 2: FF 90 I frati questuanti, figure del passato che per secoli  hanno solcato le campagne, affrontato intemperie, incontrato la gente, portato parole di conforto in cambio d’un piccolo aiuto da condividere coi frati: grano, formaggio, uva... Per ricordarli tutti ne abbiamo scelto uno: fr. Gioacchino da Montetiffi, frazione di Sogliano sul Rubicone , con rare immagini della questua,  oggetti di viaggio, materiale per costruire le corone del rosario e il carretto, un tempo  trainato da un mulo.   La Notte dei Musei Di porta in porta, i sandali consumati di fra GioacchinoSabato 17 maggio dalle 16 alle 23INFO: 0522 580720 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Inaugurazione sabato 3 maggio alle 16.30. Le mostre sono organizzate dal Polo Culturale dei Cappuccini di Reggio Emilia, nell'ambito di Fotografia Europea 2014, in collaborazione con il Circolo degli Artisti di Reggio Emilia e il Circolo Foto Cine Club C.S.R.C. Portuali di Ravenna. L'evento ha il patrocinio dell'Accademia d'arte fotografica europea. In occasione delle mostre sono in programma due conferenze - a cura del Circolo degli Artisti e condotte da Giuseppe Berti - presso la sala "padre Daniele da Torricella" (Via Ferrari Bonini 2 - Reggio Emilia): mercoledì 14 maggio, alle ore 21, incontro con Giovanni Catellani, mercoledì 28 maggio, alle 21, intervista a Vasco Ascolini.   OltreCircolo degli Artistia cura di Giuseppe BertiOltre lo sguardo consueto; Oltre l'ordine noto delle cose; Oltre il profilo quotidiano della realtà;Oltre noi si apre un varco, uno scarto di senso in cui si insinua lo sguardo lungo ed "eccentrico" (cioè "fuori centro") della…
"Non è qui. E' risorto..." (Mt. 28,6). La luce, i colori, la musica e la gioia di una nuova Vita nell'opera di Marc Chagall (Resurrezione, 1948). Felice Pasqua.   Felice Pasqua   Marc Chagall, Resurrezione (pdf)    
Da Mastro Venceslao a Masaccio, da Masolino da Panicale a Piero della Francesca. Il corso “Storie ad affresco, racconti sui muri dell'Italia del '400”, proposto dal Polo Culturale dei Cappuccini, ha esplorato gli affreschi di alcuni artisti del 1400, raccontando l'arte e le tecniche esecutive. Quattro serate suddivise in momenti teorici e pratici con fr. Antonello Ferretti (amante dell’arte) che ha raccontato l’arte con parole ed immagini, fr. Stefano Cavazzoni (direttore del Museo dei Cappuccini) e Maura Favali (restauratrice) impegnati a illustrare la tecnica esecutiva dell’affresco con i corsisti parte attiva. Come avvenuto per i corsi precedenti, è stato necessario suddividere i partecipanti in due serate, mercoledì e giovedì, a causa dell'alto numero di iscrizioni. Gli incontri hanno avuto come tema "Umanesimo e gotico cortese nel ciclo dei mesi di Mastro Venceslao", "Sui ponteggi della Cappella Brancacci: Masaccio e Masolino", "Geometria e spiritualità: la leggenda della Vera Croce di Piero della Francesca", "Battaglie e sogni nell'arte di Piero della Francesca".  
La figura e il pensiero del sacerdote, teologo, filosofo, pedagogista, e fondatore Antonio Rosmini risultano sempre più attuali; lo testimonia anche la recente beatificazione (2007) voluta da Papa Benedetto XVI e, prima di lui, da Papa Giovanni Paolo II. La Biblioteca "B. Barbieri" dei Cappuccini di Reggio Emilia ospita un ricco fondo di opere di Antonio Rosmini e di saggi sulla sua figura, uno dei più importanti in Italia, e ha organizzato un ciclo di incontri dal titolo “Profezia e attualità di Antonio Rosmini”: tre appuntamenti, tutti di mercoledì alle 17, il 12, 19 e 26 marzo. Gli incontri propongono una doverosa rilettura e un importante approfondimento della  tribolata testimonianza di cattolico di Rosmini nel secolo diciannovesimo e della sua eredità, unitamente ad un richiamo particolare all’attenzione che ha ricevuto e riceve nella nostra realtà locale. Il tema della prima conferenza, "Antonio Rosmini e la riforma della Chiesa”, è stato affrontato da Fulvio De Giorgi, docente di Storia dell’educazione nell’Università di Modena e Reggio Emilia, che  nella sua attività di studioso ha approfondito in particolare la correlazione tra storia della cultura, storia dell'educazione e storia della spiritualità in età moderna e contemporanea. Tra i suoi libri "Rosmini e il suo tempo. L'educazione dell'uomo moderno tra riforma della filosofia e rinnovamento della Chiesa" (1797-1833), Brescia, Morcelliana, 2003. Ha coordinato l'incontro Giuseppe Adriano Rossi. I prossimi incontri: mercoledì 19 marzo con Gian Pietro Soliani e Paolo Pagani su “Antonio Rosmini filosofo”; coordina Antonio Petrucci. Mercoledì 26 marzo Giorgio Campanini su “Il ritorno di Antonio Rosmini nella cultura del novecento” e don Fernando Bellelli su “Antonio Rosmini nella realtà locale, anche con riferimento a Giuseppe Dossetti”; coordina Davide Dazzi. Il ciclo è organizzato in collaborazione con Uciim, Aimc, cattedra di Storia della pedagogia (Dipartimento di Educazione e Scienze Umane dell’Università di Modena e…
Iscrizioni fino al 21 febbraio - Continuano i corsi che raccontano l’arte e le tecniche esecutive proposti dal Polo Culturale dei Cappuccini. Questo nuovo corso esplora gli affreschi di alcuni artisti del 1400, quattro serate suddivise in momenti teorici e pratici con fr. Antonello Ferretti (amante dell’arte) che racconta l’arte con parole ed immagini, fr. Stefano Cavazzoni (direttore Museo Cappuccini) e Maura Favali (restauratrice) che illustrano la tecnica esecutiva dell’affresco con i corsisti parte attiva.   Gli incontri: * "Umanesimo e gotico cortese nel ciclo dei mesi di Mastro Venceslao" * "Sui ponteggi della Cappella Brancacci: Masaccio e Masolino" * "Geometria e spiritualità: la leggenda della Vera Croce di Piero della Francesca" * "Battaglie e sogni nell'arte di Piero della Francesca" Gli incontri si tengono presso il Convento dei frati Cappuccini in Via Ferrari Bonini 2, con inizio alle 20.30. E' possibile iscriversi al corso scegliendo tra mercoledì e giovedì: mercoledì 26 febbraio, 12,19 e 26 marzo; giovedì 27 febbraio, 13, 20 e 27 marzo. Chiusura delle iscrizioni: 21 febbraio. Quota di partecipazione : 30 euro (comprensiva dei materiali). Iscrizioni e informazioni: 0522.580.720 dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle 13 - oppure Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. indicando giorno del corso scelto e dati del corsista.
Iscrizioni fino al 21 febbraio - Continuano i corsi che raccontano l’arte e le tecniche esecutive proposti dal Polo Culturale dei Cappuccini. Questo nuovo corso esplora gli affreschi di alcuni artisti del 1400, quattro serate suddivise in momenti teorici e pratici con fr. Antonello Ferretti (amante dell’arte) che racconta l’arte con parole ed immagini, fr. Stefano Cavazzoni (direttore Museo Cappuccini) e Maura Favali (restauratrice) che illustrano la tecnica esecutiva dell’affresco con i corsisti parte attiva.       Gli incontri: * "Umanesimo e gotico cortese nel ciclo dei mesi di Mastro Venceslao" * "Sui ponteggi della Cappella Brancacci: Masaccio e Masolino" * "Geometria e spiritualità: la leggenda della Vera Croce di Piero della Francesca" * "Battaglie e sogni nell'arte di Piero della Francesca" Gli incontri si tengono presso il Convento dei frati Cappuccini in Via Ferrari Bonini 2, con inizio alle 20.30. E' possibile iscriversi al corso scegliendo tra mercoledì…
Grande interesse per la mostra “1913-1999 Tonino Grassi. Le reinvenzioni della scultura", una vasta antologica con 150 sculture di uno dei più importanti artisti del Novecento reggiano, nel centenario della sua nascita. L'evento, completato da un ricco volume-catalogo, è stato inaugurato il 14 dicembre presso i Chiostri di San Domenico (Via Dante Alighieri 11 - Reggio Emilia), una delle due sedi dell'allestimento insieme al Museo dei Cappuccini di Via Ferrari Bonini 6. Un terzo, importante, luogo destinato alla visita è la chiesa dei Cappuccini, a fianco del Museo, dove sono collocate numerose opere che testimoniano lo stretto rapporto con San Francesco dell'artista nato a San Bartolomeo, nei pressi di Reggio Emilia, e scomparso all'età di 86 anni. Il progetto, promosso dal Museo dei Cappuccini con il direttore p. Stefano Maria Cavazzoni Resca in collaborazione con i Musei Civici di Reggio Emilia con il direttore Elisabetta Farioli, accolto e sostenuto dai…
Alle ore 21, nella chiesa dei Cappuccini di Reggio Emilia (Via Ferrari Bonini) il Coro della Cappella Musicale San Francesco da Paola di Reggio Emilia, diretto da Silvia Perucchetti, esegue polifonie, laudi e pastorali per il tempo di Natale. Il concerto natalizio “Cantate Domino!”, in memoria di Christian Bigi, è organizzato dal Museo dei Cappuccini. Lenny Lorenzani (Soprano), Elisa Lubrano (Organo), Federico Bigi (Organo). Ingresso libero  
E’ degno di perenne memoria e di devota celebrazione quello che il Santo realizzò tre anniprima della sua gloriosa morte, a Greccio, il giorno del Natale del Signore. Circa due settimane prima della festa della Natività, il beato Francesco, come spessofaceva, chiamò a se Giovanni il semplice e gli disse: "Se vuoi che celebriamo a Greccioil Natale di Gesù, precedimi e prepara quanto ti dico: vorrei rappresentare il Bambinonato a Betlemme, e in qualche modo vedere con gli occhi del corpo i disagi in cui si ètrovato per la mancanza delle cose necessarie a un neonato, come fu adagiato in unagreppia e come giaceva sul fieno tra il bue e l'asinello".Appena l'ebbe ascoltato, il fedele e pio amico se ne andò sollecito ad approntare nel luogodesignato tutto l'occorrente, secondo il disegno esposto dal Santo. In quella scena commovente risplende la semplicità evangelica, si loda la povertà, siraccomanda l'umiltà. Greccio è divenuto come una nuova Betlemme. Questa…
Grande interesse per la mostra “1913-1999 Tonino Grassi. Le reinvenzioni della scultura", una vasta antologica con 150 opere sulle sculture di uno dei più importanti artisti del Novecento reggiano, nel centenario della sua nascita. L'evento, completato da un ricco volume-catalogo, è stato inaugurato il 14 dicembre presso i Chiostri di San Domenico (Via Dante Alighieri 11 - Reggio Emilia), una delle due sedi dell'allestimento insieme al Museo dei Cappuccini di Via Ferrari Bonini 6. Un terzo, importante, luogo destinato alla visita è la chiesa dei Cappuccini, a fianco del Museo, dove sono collocate numerose opere che testimoniano lo stretto rapporto con San Francesco dell'artista nato a San Bartolomeo, nei pressi di Reggio Emilia, e scomparso all'età di 86 anni. Il progetto, promosso dal Museo dei Cappuccini con il direttore p. Stefano Maria Cavazzoni Resca in collaborazione con i Musei Civici di Reggio Emilia con il direttore Elisabetta Farioli , accolto e sostenuto dai figli di Tonino Grassi (Donato, Duccio e Gaddomaria), ha anche il fondamentale supporto dello sponsor Landi Renzo SpA. La mostra - da un'idea di P. Paolo Grasselli, responsabile del Polo Culturale dei Cappuccini dell’Emilia Romagna, con l'organizzazione di Maura Favali - offre finalmente l'opportunità di percorrere tutta la vasta produzione del maestro scomparso - bronzi, terrecotte, gessi provenienti da collezioni di privati ed enti - e di approfondire l’indagine storico-critica, a oltre trent'anni da una monografia del 1979 al teatro Valli. Questo grazie all'allestimento curato dalla studio Duccio Grassi architects, realizzato con fini soluzioni che mostrano le opere d'arte al visitatore con la medesima discrezione che caratterizzava l'artista. Il catalogo è a cura di Umberto Nobili (Corsiero editore). Una straordinaria occasione per una valutazione attenta e aggiornata sulla figura dell’artista, sulla sua storia e sul decisivo ruolo svolto nel processo di reinvenzione della scultura del XX secolo: Grassi,…
Una vasta antologica con 150 opere e un ricco volume-catalogo sulle sculture di uno dei più importanti artisti del Novecento reggiano, Tonino Grassi, nel centenario della sua nascita. La mostra “1913-1999 Tonino Grassi. Le reinvenzioni della scultura" s'inaugura sabato 14 dicembre presso i Chiostri di San Domenico (Via Dante Alighieri 11 - Reggio Emilia), una delle due sedi dell'allestimento insieme al Museo dei Cappuccini di Via Ferrari Bonini 6. Un terzo, importante, luogo destinato alla visita è la chiesa dei Cappuccini, a fianco del Museo, dove sono collocate numerose opere che testimoniano lo stretto rapporto con San Francesco dell'artista nato a San Bartolomeo, nei pressi di Reggio Emilia, e scomparso all'età di 86 anni. L'evento - presentato l'undici dicembre nel corso di una conferenza stampa - si protrarrà fino al 9 febbraio ed è promosso dal Museo dei Cappuccini in collaborazione con i Musei Civici di Reggio Emilia. Il progetto,…
Sabato 14 dicembre, ore 18, inaugurazione presso i Chiostri di San Domenico. Fino al 9 febbraio sarà possibile ammirare i capolavori dell'artista reggiano nel centenario della sua nascita (1913-1999). La mostra - nata da un'idea di P. Paolo Grasselli, responsabile del Polo Culturale dei Cappuccini dell’Emilia Romagna - è promossa dal Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia in collaborazione con i Musei Civici di Reggio Emilia e sarà allestita presso il Museo dei Cappuccini (via G. Ferrari Bonini, 6) e nei Chiostri di San Domenico (via D. Alighieri, 11) con opere provenienti da numerosi enti e collezionisti privati. Diverse opere sono, inoltre, collocate nella chiesa dei Cappuccini che rappresenta un terzo, importante, luogo ricco di testimonianze del forte legame dell'artista con i frati. Sponsor dell'evento: Landi Renzo SpA 1913-1999 TONINO GRASSI. LE REINVENZIONI DELLA SCULTURA Inaugurazione 14 dicembre alle 18.00 - Chiostri di San Domenico - Via D. Alighieri, 11…
Sabato 14 dicembre, ore 18, inaugurazione presso i Chiostri di San Domenico. Fino al 9 febbraio sarà possibile ammirare i capolavori dell'artista reggiano nel centenario della sua nascita (1913-1999). La mostra - nata da un'idea di P. Paolo Grasselli, responsabile del Polo Culturale dei Cappuccini dell’Emilia Romagna - è promossa dal Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia in collaborazione con i Musei Civici di Reggio Emilia e sarà allestita presso il Museo dei Cappuccini (via G. Ferrari Bonini, 6) e nei Chiostri di San Domenico (via D. Alighieri, 11) con opere provenienti da numerosi enti e collezionisti privati. Diverse opere sono, inoltre, collocate nella chiesa dei Cappuccini che rappresenta un terzo, importante, luogo ricco di testimonianze del forte legame dell'artista con i frati. Sponsor dell'evento: Landi Renzo SpA 1913-1999 TONINO GRASSI. LE REINVENZIONI DELLA SCULTURA Inaugurazione 14 dicembre alle 18.00 - Chiostri di San Domenico - Via D. Alighieri, 11 - Reggio Emilia INFO: 0522 580720 -   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
La Biblioteca Provinciale dei Cappuccini di Reggio Emilia "B. Barbieri" (piazza Vallisneri, 1) propone, per il terzo anno, a docenti e studenti delle scuole superiori della città e della provincia un percorso di riflessione sullo statuto della democrazia, i suoi fondamenti, le sue declinazioni, il  suo “stato di salute” in un contesto di crisi economiche, tensioni sociali, multiculturalismo, effetti della comunicazione di massa e dello strapotere dei social network, crisi dei partiti politici, crescita del distacco dei cittadini dalla vita politica e dalle istituzioni, degenerazioni populiste…. Il gruppo di lavoro, da alcuni anni impegnato nell’elaborazione e realizzazione del progetto, ha individuato il tema dell’Autorità come filo conduttore del percorso di approfondimento per l’anno scolastico 2013-2014. E’ impossibile, infatti, trattare del potere politico e della struttura stessa dello Stato senza riflettere su che cosa sia l’Autorità in quanto tale. Partendo dal significato etimologico del termine si procederà ad una analisi concettuale della nozione di “autorità”. Le scuole partecipanti al progetto *Liceo “Ariosto-Spallanzani” di Reggio Emilia (docenti referenti per la sezione classica: prof.ssa Valeria Zini, prof.ssa Elena Tardito) *Liceo “Aldo Moro” di Reggio Emilia (docente referente: prof.ssa Roberta Bonilauri) *Liceo delle Scienze Sociali “B. Russell” di Guastalla (docente referente: prof. Flaviano Scorticati) *Liceo Magistrale “Matilde di Canossa” di Reggio Emilia (docente referente: prof.ssa Antonella De Nisco). Prossimamente tutte le informazioni sulle iniziative programmate per gli studenti presso la Biblioteca, in particolare gli incontri con il regista Marco della Nave, che presenterà una road map cinematografica su nuclei problematici legati al tema dell’Autorità.  INFO: 0522 0522 541934 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.    
In quattro incontri hanno ripercorso un secolo attraverso i capolavori di Caravaggio, dei Carracci, del Guercino e di Guido Reni. Dalla teoria alla pratica, hanno poi applicato su tela le elementari tecniche esecutive apprese nel corso delle lezioni. I partecipanti al corso d'arte tra racconti e tecnica esecutiva del '600 - così numerosi da richiedere lo sdoppiamento del corso in due serate, mercoledì e giovedì - hanno confermato la validità della proposta del Polo Culturale dei Frati Minori Cappuccini, avviata nel 2011 con un corso su Giotto e la tecnica dell'affresco. Continua, quindi, a riscuotere successo la formula individuata: incontri suddivisi in momenti teorici e pratici che vedono frate Antonello Ferretti (amante dell’arte) raccontare l’arte con parole ed immagini e frate Stefano Cavazzoni (direttore del Museo dei Cappuccini) e Maura Favali (restauratrice) illustrare la tecnica esecutiva dell’olio su tela con i corsisti parte attiva. A completare la proposta c'è, infine,…
Quattro incontri proposti sia il mercoledì che il giovedì, ma sarebbero state necessarie altre serate per esaudire tutte le richieste di partecipazione che confermano la validità della proposta del Polo Culturale dei Frati Minori Cappuccini. La formula individuata continua, quindi, a riscuotere il successo ottenuto delle precedenti edizioni dedicate ad altri periodi storici dell'arte: incontri suddivisi in momenti teorici e pratici che vedono frate Antonello Ferretti (amante dell’arte) raccontare l’arte con parole ed immagini e frate Stefano Cavazzoni (direttore del Museo dei Cappuccini) e Maura Favali (restauratrice) illustrare la tecnica esecutiva dell’olio su tela con i corsisti parte attiva.   I quattro incontri: * “Regole, credo e creatività: Il primo 600 e i Carracci” * ”Un uomo e una storia tra fughe e pennelli: Caravaggio” * “Verso il senso del mistero: l’ultimo Caravaggio” * “Luci ed ombre della nostra terra: Guercino e Guido Reni”. Gli incontri si tengono presso il…
Corpi, lenzuola, pani, scarpe, barche sono i protagonisti delle opere di Stefano Nava che in questi e altri oggetti della nostra vita quotidiana cerca la presenza di Dio. La sua personale “Cinque porte” è stata inaugurata il 5 ottobre negli spazi del Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia (Via Ferrari Bonini, 6) con la partecipazione numerosa di un pubblico affascinato dall'atmosfera dell'allestimento curato da Maura Favali. L'inaugurazione è stata aperta da un'emozionante performance teatrale di attori e attrici che, su una voce recitante, hanno interpretato brevi testi esplicativi del lavoro dell'artista. Il direttore del Museo, padre Stefano Maria Cavazzoni, ha illustrato brevemente il percorso che ha portato alla mostra ed è stato, quindi, lo stesso Nava a spiegare cosa ha inteso esprimere con le opere esposte, realizzate su tela con una tecnica mista:  “Cinque soglie, spesso strette, che permettono di andare oltre il visibile, di accedere ad 'altro', di scrutare un segreto che spesso ci supera. Il Dio, che forse incontro - racconta Nava - è quello delle ore semplici, nascosto dentro i nodi del legno, celato nelle reti per la pesca, svelato dalle curve dei corpi. Un Dio dei poveri e dei ricchi, degli amici e dei nemici svelato dagli oggetti di ogni giorno: scarpe, pani, reti e persino bicchieri d’acqua. Cinque piccole soglie, allora, per accedere a qualcosa che è 'altro'. Per cercare di varcare la soglia della nostra possibilità ed entrare nella Sua disponibilità. Per mettere i piedi in una terra regalata oltre che promessa. Per ridonare spazio al tempo. Cinque porte 'profane' per aprire spiragli sul mistero del 'sacro'. Ogni giorno. Chinandosi. Con umiltà”. La mostra, nata da una proposta fatta all'artista da frate Antonello Ferretti, resterà aperta fino al 3 novembre. Stefano Nava, 36 anni, originario di Bergamo, lavora e vive a Reggio Emilia con…
Chiesa dei Cappuccini gremita di pubblico per il concerto di “Soli Deo Gloria” che, nel giorno della festa di San Francesco, è stato dedicato dal Rotary Club di Reggio Emilia allo storico Gino Badini, recentemente scomparso. Nell'occasione è stato benedetto e inaugurato un antico e prezioso organo del 1850 che è tornato a far sentire la propria voce dopo un delicato e accurato restauro. La serata è stata introdotta da padre Stefano Maria Cavazzoni, direttore del Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia, che ha recuperato lo strumento e ne ha seguito passo dopo passo il restauro effettuato da due organari reggiani, Pierpaolo Bigi e il figlio Federico, nel loro laboratorio di Castellazzo, per conto del Polo Culturale dei Cappuccini, con il contributo del Rotary Club Reggio. Le caratteristiche dell'organo sono state illustrate da Renato Negri, direttore della rassegna Soli Deo Gloria, che ha eseguito alcuni brani alternandosi con i suoi allievi Rodney Francis Akuffo, Elena Cattini, Elisa Lubrano e Leonardo Renzi. Esecuzioni accompagnate anche dalla “Cappella Regiensis” un ensemble strumentale con  Clara Fanticini (I violino), Sebastiano Airoldi (II violino), Marco Ariani (violoncello), Simone Novellino (fagotto) e Margherita Castellani (contrabbasso). Il programma ha proposto musiche di Scarlatti, Purcell, Bach, Haydn, Cavazzoni, Mozart, Merula che hanno esaltato le peculiarità dell'organo "Michelangelo Paoli e figli", costruito dagli organari toscani Paoli di Campi Bisenzio, uno strumento che evidenzia le qualità foniche della scuola organaria toscana del XIX° secolo. Molte le singolarità di un vero e proprio capolavoro, che rappresenta una rarità storica nel contesto organario emiliano e si distingue, data la provenienza toscana, per raffinatezza costruttiva e particolarità sonore. Sulla base di un solido ripieno, esteso fino alla Vigesimanona, la tavolozza sonora esalta le sonorità tipiche dei registri di colore, la Voce Angelica, il Cornetto combinato dai tre flauti in successione armonica, un‘ancia dolce,…
Canti, musica e letture mercoledì 2 ottobre alle 21 in preparazione alla festa di San Francesco. Ricco e articolato il programma dell'incontro nella Chiesa dei Frati Cappuccini di Reggio Emilia (Via Ferrari Bonini, 2), introdotto da Padre Attilio Martelli e presentato dal direttore della Biblioteca “B. Barbieri” Davide Dazzi. Un'occasione per riascoltare dopo tanti anni il trittico francescano “Perfetta Letizia”, una delle composizioni di Padre Remigio Zobbi, frate cappuccino originario di Villa Minozzo, scomparso nel 1995 a 77 anni; il trittico e altri canti saranno eseguiti dal coro “Santa Maria - P. Remigio”(della parrocchia Santa Maria Nuova Arcispedale di Reggio Emilia) fondato dal cappuccino nel 1981 e oggi diretto da Giorgio Delmonte, direttore anche del Coro Albinetano. Il coro sarà presentato da Giulio Capiluppi; i canti saranno alternati da alcune letture francescane lette da Fabiola Ganassi e Giorgio Delmonte. La serata vedrà anche l'intervento musicale del maestro Paolo Gandolfi - uno dei più grandi fisarmonicisti del mondo, compositore, per oltre 35 anni direttore dell’Istituto Musicale di Castelnovo ne’ Monti - accompagnato dalla recitazione di Carla Bazzani. Il coro fondato da Padre Remigio Zobbi presta servizio liturgico presso la Chiesa della Parrocchia dell’Arcispedale di Reggio Emilia e la sua attività è a scopo di beneficenza. Contribuisce anche a solennizzare i servizi religiosi in numerose chiese e parrocchie della città e della provincia e nel 1988 ha partecipato alla “Corale Diocesana” in occasione della venuta a Reggio di Papa Giovanni Paolo II. Oltre alla musica composta dal proprio fondatore, il coro esegue anche brani di altri compositori, tra i quali Perosi, Palestrina, Donizzetti, Frisina, Bach. Attualmente è diretto da Giorgio Delmonte. Padre Remigio Zobbi, sacerdote nel 1944, ha svolto la propria attività a Modena, Piacenza e Reggio Emilia. Oltre al trittico francescano ha composto le messe Maria SS. Annunziata, Rosa Mistica, Buon…
Un corso d'arte, tra racconti e tecnica esecutiva del '600. Aperte le iscrizioni a un ciclo di quattro incontri proposto dal Polo Culturale dei Frati Minori Cappuccini. Gli incontri saranno suddivisi in momenti teorici e pratici: fr. Antonello Ferretti (amante dell’arte) racconterà l’arte con parole ed immagini, fr. Stefano Cavazzoni (direttore Museo Cappuccini) e Maura Favali (restauratrice) illustreranno la tecnica esecutiva dell’olio su tela con i corsisti parte attiva. I quattro incontri: * “Regole, credo e creatività: Il primo 600 e i Carracci” * ”Un uomo e una storia tra fughe e pennelli: Caravaggio” * “Verso il senso del mistero: l’ultimo Caravaggio” * “Luci ed ombre della nostra terra: Guercino e Guido Reni”. Gli incontri si terranno presso il Convento dei frati Cappuccini di Reggio Emilia (Via Ferrari Bonini 2) con inizio alle ore 20.30. E’ possibile iscriversi al corso del mercoledì (23 e 30 ottobre, 6 e 13 novembre)…
Nell'occasione s'inaugura un antico e prezioso organo che torna a far sentire la propria voce nella chiesa dei Cappuccini di Via Ferrari Bonini, nella giornata dedicata a San Francesco, dopo un delicato e accurato restauro, per uno degli appuntamenti più attesi della rassegna “Soli Deo Gloria”. Inizio alle ore 21.00. La recente scomparsa di Gino Badini ha destato un vasto cordoglio e il Rotary Club Reggio Emilia, di cui lo studioso era socio, ha espresso il desiderio di dedicare a lui il concerto. Badini era anche membro del comitato scientifico della Biblioteca dei Cappuccini di Reggio “B. Barbieri”. Il concerto - con musiche di Scarlatti, Purcell, Bach, Haydn, Cavazzoni, Mozart, Merula - vedrà alternarsi allo strumento Rodney Francis Akuffo, Elena Cattini, Elisa Lubrano, Renato Negri e Leonardo Renzi. Del programma fanno parte anche la Cappella Regiensis (ensemble strumentale) con i musicisti Clara Fanticini (I violino), Giulia Cerra (II violino), Marco Ariani (violoncello), Simone Novellino (fagotto), Daniele Rosi (contrabbasso). Costruito nel 1850 dagli organari toscani Paoli di Campi Bisenzio, l'organo che viene inaugurato il 4 ottobre evidenzia le qualità foniche della scuola organaria toscana del XIX° secolo. E' stato restaurato dall’organaro reggiano Pierpaolo Bigi e dal figlio Federico nel loro laboratorio di Castellazzo, per conto del Polo Culturale dei Cappuccini, con il contributo del Rotary Club Reggio. Un lungo lavoro seguito passo dopo passo da Stefano Maria Cavazzoni, direttore del Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia. Molte le singolarità dello strumento, che rappresenta una rarità storica nel contesto organario emiliano e si distingue, data la provenienza toscana, per raffinatezza costruttiva e particolarità sonore. Sulla base di un solido ripieno, esteso fino alla Vigesimanona, la tavolozza sonora esalta le sonorità tipiche dei registri di colore, la Voce Angelica, il Cornetto combinato dai tre flauti in successione armonica, un‘ancia dolce, nei bassi, il…
L’immagine che sta alla base della quinta edizione di Festival Francescano, a Rimini dal 27 al 29 settembre, è quella di san Francesco che cammina per i sentieri della Romagna, ottocento anni fa. Dall’avvenimento, all’insegnamento: Francesco interpretò l’esortazione biblica di essere come stranieri e pellegrini in bisogno di comunione e di relazionalità che si traduce nella volontà di “essere per gli altri” e di “essere con gli altri”. Questo ha ispirato l’intero programma della manifestazione organizzata dal Movimento Francescano dell’Emilia-Romagna, in collaborazione con i francescani italiani e le istituzioni locali (Comune e Provincia di Rimini, Regione Emilia-Romagna, Progetto Culturale CEI, Diocesi di Rimini, Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini, Università di Bologna), sul tema del cammino. Durante la tre giorni, presso il Tempietto di sant’Antonio saranno esposte le reliquie del Santo di Padova; in via IV novembre si troveranno le principali realtà che si occupano di cammini francescani e nell’antica…
Figure emblematiche di alcune donne nell'Antico e Nuovo Testamento, parole e gesti di papa Francesco. Sono stati questi i fili conduttori del seminario di studio tenuto il 12 settembre presso la biblioteca dei Cappuccini di Reggio Emilia dalla biblista e scrittrice Maria Soave Buscemi, nell'ambito del ciclo di incontri “La voce e il silenzio della donna nella Chiesa”. La lettura e il commento di alcuni passaggi della Bibbia sono serviti - come ha premesso la teologa – per vedere “da dove provengono i silenzi nella storia della nostra tradizione giudaico-cristiana”. Testi molto conosciuti, come il capitolo 12 del libro dei Numeri, dove si narra che Mosè aveva sposato una donna originaria dell'Etiopia; la sorella Miriam e il fratello Aronne criticarono Mosè per il matrimonio con quella donna e Miriam venne punita dal Signore con la lebbra per una settimana. Oppure l'ancor più noto capitolo otto del Vangelo di Giovanni, quello…
Due mondi apparentemente lontani che si confrontano attraverso una grata che, incontro dopo incontro, scompare grazie alla reciproca accoglienza. E' l'esperienza vissuta da tre donne del gruppo Disfarefare - che opera nel Centro Culturale Lucio Lombardo Radice - che nel corso di due anni si sono incontrate con le suore Clarisse Cappuccine, monache di clausura del monastero Santa Chiara di Correggio. Conversazioni e riflessioni sono raccolte nel libro “Con-fidare”, presentato il 12 giugno nella sala conferenze della Biblioteca dei Cappuccini “B. Barbieri” di Reggio Emilia. Dopo i saluti del direttore culturale della Biblioteca, Davide Dazzi, l'incontro è stato introdotto e coordinato da Angela Zini, insegnante di lettere, referente del gruppo di lavoro La Voce e il Silenzio della Donna nella Chiesa. Le tre autrici - Loredana Casarini, Oretta Montanari e Laura (Lalla) Testi - hanno illustrato il loro lavoro e raccontato come è nata l'idea e come si è andata…
L'assessore alla cultura e università di Reggio Emilia, Giovanni Catellani, ha visitato le quattro mostre allestite fino al 16 giugno nel Museo dei Cappuccini di Via Ferrari Bonini, che in queste settimane offrono ai visitatori l'occasione di spaziare dagli scatti dei fotografi di tre circoli sul tema “Fotografare il tempo” agli oggetti e testimonianze di vario tipo sui cento anni di presenza missionaria cappuccina nell’India del XIX e XX secolo. Tre mostre sono state allestite in occasione di Fotografia Europea 2013: “Πάνtα ῥεῖ ” (Tutto scorre) propone gli scatti del Circolo degli Artisti di Reggio Emilia ed è a cura di Giuseppe Berti, “Emilia on the road: percorsi tra confine e identità” è a cura di Claudia Cattani ed è costruita con le immagini del Circolo fotografico Color's Light di Colorno, “Incroci possibili” è dedicata alle fotografie della Galleria Fotografica Luigi Ghirri di Caltagirone ed è a cura di Pippo…
Fotografare il trascorrere del tempo cogliendone i segni e le trasformazioni lungo la Via Emilia, oppure nei volti nelle persone o ancora su case, monumenti, fiori e oggetti che giorni, mesi e anni mutano inesorabilmente. E' il tema affrontato il 28 maggio dal critico fotografico Massimo Mussini presso la sala “p. Daniele da Torricella” di Reggio Emilia per “I Martedì del Museo”. L'appuntamento - ultimo dei tre organizzati in occasione di Fotografia Europea 2013 - è stato l'occasione per leggere con l'aiuto di un esperto le immagini scattate dai fotografi di tre circoli che fino al 16 giugno sono esposte al Museo dei Cappuccini di Via Ferrari Bonini. Le esposizioni descrivono appunto il tempo e i cambiamenti che questo porta alle stagioni dell'uomo. “Πάνtα ῥεῖ ” (Tutto scorre) propone gli scatti del Circolo degli Artisti di Reggio Emilia ed è a cura di Giuseppe Berti, “Emilia on the road: percorsi…
Inaugurata in occasione de “La Notte dei Musei”, resterà aperta fino al 16 giugno al Museo dei Cappuccini di Reggio l'esposizione “Francesco d’Oriente - L’India dei Frati e delle Mille e una Notte”. La mostra rievoca cento anni di presenza missionaria cappuccina nell’India del XIX e XX secolo. Si inizia al piano terra con il mondo fantastico delle “Mille e una Notte”. Al secondo piano, nella suggestiva scenografia dei dipinti che compongono l'esposizione permanente del Museo, sono esposti alcuni quadri sul tema “Francesco e l’Oriente”, con riferimenti alle Fonti Francescane, insieme a manufatti provenienti dalle Collezioni etnografiche dei Cappuccini. Oggetti Orientali e Indiani rimandano il visitatore alla realtà della presenza missionaria: manufatti in rame e ottone, lampade, modellini in materiale prezioso del “Taj Mahal” e alcune particolari rappresentazioni paesaggistiche in sughero. E ancora, foto d'epoca, copertine di riviste, oggetti di uso quotidiano. Sull'esempio di Francesco d'Assisi, i Frati Minori Cappuccini…
Spazi che si percorrono quotidianamente, tanto presenti nel vissuto individuale da non aver nemmeno bisogno di un nome, un indirizzo, un numero civico. Spazi e strade che, semplicemente, esistono e re-sistono: questo è la via Emilia per gli indigeni della Pianura Padana: un tracciato stradale che assorbe la storia e il presente di moltissime persone, capace di segnare attorno a sé il marchio dell'identificazione e dello scambio che non si pone come confine ma come territorio comune. Con queste parole Claudia Cattani, storica dell'arte, descrive le immagini della mostra “Emilia on the road: percorsi tra confine e identità” del Gruppo fotografico Color's Light di Colorno, allestita fino al 16 giugno al Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia; Cattani ne è la curatrice e ha tenuto una conferenza il 14 maggio presso la sala “p. Daniele da Torricella” di Via Ferrari Bonini per "I Martedì del Museo". La mostra è allestita…
Attraverso una sorta di corto circuito di ricordi le immagini tessono una trama e si fanno storia, personale e intima, singolare e universale quanto possono esserlo stati d'animo e sentimenti. Ogni immagine si fa flashback, dove il dato oggettivo si sveste per liberare l'anima che respira e palpita poco sotto la superficie e dialoga con chi è semplicemente capace di ascoltare. E' la fotografia di Enzo Carli, allievo del grande Mario Giacomelli (tipografo, fotografo, poeta pittore italiano scomparso nel 2000) e docente di fotografia all'Università di Urbino. Il 7 maggio, nella sala “p. Daniele da Torricella” del convento dei frati Cappuccini di Reggio Emilia, Carli è stato intervistato da Giuseppe Berti, direttore artistico del Circolo degli Artisti di Reggio Emilia, e ha raccontato il suo modo di intendere la fotografia, prendendo spunto dal suo libro “Archeologia dei sentimenti”. La conferenza è stata introdotta da padre Stefano M. Cavazzoni Resca, direttore…
Si è felicemente concluso la sera del 2 maggio, con un concerto della Filarmonica Città del Tricolore nel chiostro del convento dei Cappuccini di Reggio Emilia, il ciclo di incontri su "La cultura popolare emiliana: storie, parole, musiche", ideato e promosso dal Circolo di Cultura Giuseppe Toniolo. La serata si è aperta con i saluti di Padre Attilio, superiore-guardiano del convento di Via Ferrari Bonini, che si è detto felice di poter ospitare l'iniziativa organizzata in collaborazione con il Polo Culturale dei Cappuccini e il sostegno dell'Anteas, del Movimento Casalinghe, degli Insegnanti Cattolici, dell'Associazione Scrittori e del Centro Studi sul Dialetto reggiano. E' poi seguita una breve introduzione di Mario Lanzafame, storico sociale, sulle origini delle bande antiche e moderne, da quelle delle corti sei-settecentesche a quelle napoleoniche di stretto impianto militare, fino alle diffuse e diverse esperienze delle bande di origine popolare, di espressione parrocchiale o di matrici più…
Padre Stefano M. Cavazzoni Resca, direttore del Museo dei Cappuccini di Reggio e Giuseppe Berti, storico dell'arte, hanno presentato le tre mostre allestite fino al 16 giugno al museo di Via Ferrari Bonini in occasione dell'ottava edizione di Fotografia Europea, che quest'anno ha come tema “Cambiare - fotografia e responsabilità”. Gli autori  descrivono attraverso le loro immagini il tempo e i cambiamenti che questo porta alle stagioni dell'uomo. “Fotografare il Tempo” è il tema comune sviluppato dalle tre esposizioni: “Πάνtα ῥεῖ ” (Tutto scorre) propone gli scatti del Circolo degli Artisti di Reggio Emilia ed è a cura di Giuseppe Berti, “Emilia on the road: percorsi tra confine e identità” è a cura di Claudia Cattani ed è costruita con le immagini del Circolo fotografico Color's Light di Colorno, “Incroci possibili” è dedicata alle fotografie della Galleria Fotografica Luigi Ghirri di Caltagirone ed è a cura di Pippo Pappalardo. I…
Il quinto incontro del ciclo “La cultura popolare emiliana”, ideato e promosso dal Circolo di Cultura “G. Toniolo”, ha condotto ancora una volta il pubblico, accorso numeroso il 10 aprile alla Biblioteca dei Cappuccini di Reggio Emilia, alla riscoperta di un grande patrimonio ormai in gran parte sconosciuto, costituito da storie ed espressioni musicali delle terre emiliane che toccano nel profondo. Protagonisti dell'appuntamento, sul tema "Dal canto popolare al teatro di stalla" sono state le due “anime” del Centro Studi sul Dialetto Reggiano, il musicista e ricercatore Carlo Perucchetti e il presidente Giuliano Bagnoli, che hanno illustrato alcuni risultati delle loro ricerche. I due, con racconti e aneddoti, hanno saputo offrire una gustosa, documentata e brillante pennellata di quanta sia ricca l'infinita varietà dei linguaggi, dei caratteri e dei luoghi dove, soprattutto nell'ultimo secolo, si è via via sviluppato il canto popolare per arrivare fino al teatro di stalla. Tutto…
Una scuola da 150 anni in dialogo con la città. E' l'Istituto San Vincenzo de' Paoli di Reggio Emilia al quale il Museo dei Cappuccini di Via Ferrari Bonini dedica la mostra “Tradizione e Innovazione”, aperta fino al 14 aprile, che ripercorre idealmente anche le tappe di un progetto educativo avviato il 2 gennaio del 1864. La San Vincenzo è un'istituzione fondamentale nella storia reggiana, anche perché dall'istituto sono uscite tante insegnanti, maestre e diplomate; una scuola cattolica con grande attenzione per i problemi sociali e per l'innovazione. La mostra può essere visitata tutti i giorni dalle 10 alle 12, sabato e domenica dalle 15 alle 18. Organizzata in collaborazione tra la Direzione dell'Istituto e il Polo Culturale dei Cappuccini di Reggio Emilia, l'esposizione è articolata in cinque sezioni. In quella storica è stato ricostruito un percorso che, partendo dalla figura di Santa Giovanna Antida Thouret - fondatrice delle Suore…
Il 23 e il 24 marzo la chiesa di San Spiridione, in Via Nuova a Reggio, ha aperto le porte per una visita guidata organizzata nell'ambito della mostra “Tradizione e Innovazione - l'Istituto San Vincenzo da 150 anni in dialogo con la città” allestita al Museo dei Cappuccini di Via Ferrari Bonini fino al 14 aprile. Il prof. Fabrizio Anceschi, socio effettivo della Deputazione Reggiana di Storia Patria, ha illustrato il contesto storico in cui fu edificato il luogo di culto, oggi solitamente chiuso al pubblico, e i suoi pregi artistici. La chiesa di San Spiridione fa parte del complesso dell'Istituto San Vincenzo de' Paoli; un'iscrizione posta al di sopra del portale d'ingresso di Via Nuova indica la data della sua fondazione nell'anno 1759. Sconosciuto è l'autore dell'architettura ma con certezza si è a conoscenza degli autori dei dipinti con finte architetture e figure: le partiture architettoniche vennero dipinte dal…
Tante persone all'inaugurazione della mostra dedicata all'Istituto San Vincenzo de' Paoli di Reggio Emilia che resterà aperta presso il Museo dei Cappuccini (Via Ferrari Bonini, 6) fino al 14 aprile. L'esposizione “Tradizione e Innovazione” celebra un secolo e mezzo di storia e il progetto educativo di una scuola che è nel cuore della città e di molti reggiani. Frate Antonello Ferretti, responsabile del settore educativo del Polo Culturale dei Cappuccini di Reggio Emilia, ha ricordato come la collaborazione con l'Istituto San Vincenzo sia iniziata oltre due anni fa; la scuola, infatti, è stato il primo ente ad aderire al progetto dei laboratori didattici proposti e realizzati dal Museo. La mostra è il risultato di un cammino condiviso dal Museo, dall'Istituto e da persone vicine al mondo dei frati che hanno dedicato gratuitamente il loro tempo libero, è quindi la comunità che ha costruito qualcosa insieme anche a diverse persone che…
Diaconato femminile? Prima di pensare a questo ministero bisogna partire da piccole “imprese” quotidiane nelle quali la donna può affermare la propria diversità feconda. Si può forse riassumere in questo messaggio la conferenza di don Giovanni Nicolini, parroco di Dozza, nel bolognese, fondatore  e superiore delle Famiglie della Visitazione ispirate a Giuseppe Dossetti, invitato il 25 febbraio alla Biblioteca dei Cappuccini di Reggio Emilia per il ciclo di incontri "La voce e il silenzio della donna nella Chiesa". Don Nicolini ha trattato il tema "Discepoli alla ricerca di una madre?". L'incontro, in una sala piena come in poche altre occasioni, è stato presentato dal direttore culturale della Biblioteca Davide Dazzi e introdotto da Angela Zini. Don Giovanni Nicolini nella prima parte del suo intervento ha sottolineato come oggi la Chiesa si trovi in un frangente molto delicato; non sempre però - ha detto - le crisi sono negative, nella storia…
Sala gremita alla biblioteca dei Cappuccini di piazza Vallisneri per un tuffo nel passato venato dal rimpianto per qualcosa che non c'è più, ma anche dal divertimento per la rievocazione di episodi che quasi tutti i presenti tra il pubblico hanno vissuto personalmente. Il secondo appuntamento del ciclo "La cultura popolare emiliana: storie, parole, musiche" è stato dedicato a una conversazione su alcuni brani del libro “Battaglieri! Storie di liscio emiliano” dello storico sociale Carmelo Mario Lanzafame. Dopo un'introduzione di Davide Dazzi, direttore culturale della Biblioteca dei Cappuccini “B. Barbieri”, la storica Clementina Santi ha illustrato con molta efficacia i contenuti e il valore della ricerca condotta da Lanzafame che nel suo libro ricostruisce le dinamiche e i processi che hanno generato, prodotto e sviluppato le "tradizioni" e le pratiche musicali popolari definite "liscio emiliano". Oltre alla citazione di aspetti storici, è stato, però, il racconto di alcuni aneddoti -…
Le 221 lettere scritte da Giorgio La Pira alla “figlia spirituale” Paola Ramusani dal 1940 al 1975, dopo tanti anni di oblio sono diventate un anno fa un libro dove l'autore, don Diego Maria Pancaldo, propone anche documenti inediti, reperiti presso l’archivio della Fondazione La Pira di Pozzallo e presso l’archivio dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Il 29 gennaio il Polo Culturale dei Cappuccini di Reggio Emilia ha voluto ricordare le figure di La Pira e Ramusani presentando presso la Biblioteca di piazza Vallisneri  il volume “Preghiera e vita. La direzione spirituale come relazione di amicizia nel carteggio La Pira-Ramusani” (Edizioni Polistampa). L'evento è stato organizzato con le Associazioni “Giorgio La Pira” di Reggio Emilia e di Correggio, con il sostegno dell'Associazione Italiana Maestri Cattolici e dell'Unione Cattolica Italiana Insegnanti Medi di Reggio Emilia. Dopo l'introduzione di Davide Dazzi, direttore culturale della Biblioteca “B. Barbieri”,  è intervenuta Renata…
La grafologia può essere anche un percorso di conoscenza personale e un'interessante occasione per saperne di più sull'argomento viene proposta dal Polo Culturale dei Cappuccini di Reggio Emilia. Il 25 gennaio alla Biblioteca “Bartolomeo Barbieri” è stato presentato il libro “Caratteri fra le righe” (Edizioni Dehoniane Bologna) di Iride Conficoni, docente di grafologia e membro dell'Associazione grafologica italiana. Dopo l'introduzione di Davide Dazzi, direttore culturale della Biblioteca, è intervenuta Camilla Casoli, consulente grafologa, che ha tracciato un profilo della lunga carriera professionale della professoressa Conficoni e dei tanti incarichi da lei ricoperti in oltre 35 anni di attività. La dottoressa Casoli ha, quindi, rivolto una serie di domande che hanno consentito di comprendere alcuni degli aspetti più interessanti della grafologia descritti nel libro. L'intento del volume è quello di mettere in luce lo specifico della dottrina grafologica, con riferimento alla scuola di Girolamo Moretti; tale metodo è attualmente oggetto di…
Con la vita da romanzo e la musica del maestro Paolo Gandolfi ha preso il via alla Biblioteca dei Cappuccini di Reggio Emilia il ciclo di cinque incontri dedicato a “La cultura popolare emiliana: storie, parole, musiche". Con la sua fisarmonica Gandolfi ha raccolto successi in tutto il mondo, fin dal 1955 quando, giovanissimo, vinse il campionato il campionato mondiale di Essen, in Germania. Da allora ha suonato con i più grandi musicisti e cantanti, da Edith Piaf a Enrico Simonetti e Richard Galliano, ed è stato applaudito da personaggi come Papa Giovanni XXIII e Robert Kennedy; ha dedicato la sua vita alla didattica e tra i suoi grandi meriti c'è l'avvio dell'insegnamento della fisarmonica all'Istituto Achille Peri e la nascita della scuola di musica a Castelnuovo Monti che poi diventerà l'Istituto Merulo, dove ha insegnato 37 anni. La sua vita è diventata un romanzo - “Romanzo di una fisarmonica:…
Il Polo Culturale dei Cappuccini dell'Emilia-Romagna augura a tutti Buon Natale, un Felice Anno Nuovo e di trascorrere serenamente questi giorni di festa. Nell'occasione si rammenta che dal 22 dicembre al 6 gennaio la mostra “Ovunque tu sei - La musica e il canto degli uomini e degli angeli” è aperta tutti i giorni dalle ore 15.00 alle ore 18.00. L'immagine è un particolare della Via Christi realizzata da Elisa Morelli per Casa "Frate Leone" dei Padri Cappuccini di Vignola.
Presentato il libro di Teresa Muratore che ripercorre la storia del medico, partigiano, parlamentare, sindaco, docente universitario e terziario francescano nato a Rosano di Vetto d'Enza nel 1898 e scomparso nel 1972. Il 15 dicembre l'incontro - organizzato dal Polo Culturale dei Cappuccini di Reggio Emilia e Aliberti Editore presso la sala “P. Daniele da Torricella” - ha richiamato un pubblico partecipe e interessato a  ricordare e, in alcuni casi, scoprire la figura di un uomo che ha attraversato la storia del Novecento nei suoi momenti bui e in quelli più splendenti. Alla presentazione - preceduta dalla proiezione di un documentario su Castelnovo Monti di Lino Lionello Ghirardini  conservato dall'Istituto Superiore di Studi Matildici di Canossa - hanno partecipato con il loro interventi l'On. Pierluigi Castagnetti, p. Paolo Grasselli (responsabile del Polo Culturale  Cappuccini Emilia-Romagna), il Prof. Graziano Bottioni (docente di storia e filosofia) e la Prof.ssa Teresa Muratore (docente…
Resterà aperta fino al 20 gennaio la mostra inaugurata l'8 dicembre al Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia e realizzata in collaborazione con la Fondazione Famiglia Sarzi. "Ovunque tu sei - La musica e il canto degli uomini e degli angeli" è il titolo dell'allestimento a cura di Nadia Calzolari, responsabile delle attività del Polo Culturale dei Cappuccini di Reggio Emilia. Il percorso espositivo comprende gli elaborati dei bambini sul tema degli angeli e della musica natalizia - realizzati da una ventina di classi delle scuole elementari e da due scuole dell'infanzia di Reggio Emilia e provincia - e numerosi burattini di Otello Sarzi (1922 - 2001) ispirati alle opere musicali "Il flauto magico", "Il maestro di cappella", "Mavra" e "Pierino e il lupo". La mostra è, quindi, anche l'occasione per ammirare "in anteprima" alcune opere di uno dei più grandi maestri burattinai del '900, al quale Reggio si appresta…
Le quattro serate - organizzate dal Polo Culturale dei Frati Minori Cappuccini di Reggio Emilia - hanno aiutato i partecipanti ad addentrarsi nei misteri e nei luoghi comuni del secolo d’oro dell’arte Italiana. Gli incontri presso la "sala P. Daniele da Torricella" di Via Ferrari Bonini su "Arte e tecnica esecutiva dell’olio su tavola del XVI° secolo" sono stati suddivisi in momenti teorici e pratici e riproposti in due serate a scelta, mercoledì e giovedì, per rispondere alle tante richiese; complessivamente hanno partecipato una sessantina di persone. E' stata, quindi, confermata la validità di una formula già sperimentata con due proposte precedenti: “Il legno della Madre”, ciclo di quattro incontri sull'arte del XV secolo e la tecnica esecutiva dei dipinti su tavola, proposto in marzo, e il corso sugli affreschi di Giotto dello scorso anno. La formula è ormai collaudata: frate Antonello Ferretti (amante e studioso dell’arte) ha illustrato con…
Tre grandi pittori accomunati dalla scelta di essere frate cappuccino. Cosmo da Castelfranco, Semplice da Verona e Stefano da Carpi sono artisti sconosciuti al grande pubblico, ma che hanno lasciato opere di grandissima fattura e autentici capolavori. Angelo Mazza - storico dell'arte, già direttore di restauri presso la Soprintendenza di Modena e Reggio Emilia, autore di numerosi libri e contributi critici su riviste specializzate - il 30 ottobre ha illustrato il percorso e le opere dei tre pittori cappuccini presso la sala “p. Daniele da Torricella” di Via Ferrari Bonini. La conferenza - introdotta da p. Paolo Grasselli, responsabile del Polo Culturale dei Cappuccini dell'Emilia-Romagna - è stata organizzata per “I Martedì del Museo” in occasione della mostra "Sulle tracce di Francesco", opere di Elisa Morelli, allestita presso il Museo dei Cappuccini dal 25 settembre al 4 novembre. Come ha spiegato Mazza, Paolo Piazza (Castelfranco Veneto 1560 - Venezia 1620)…
"Graffitismo urbano: risorsa o danno?": è stato questo il tema su cui si è discusso stamattina al cinema Cristallo di Reggio Emilia alla presenza di alcune classi del liceo Chierici e dell'istituto Secchi. L'evento è stato organizzato dal Polo Culturale dei Cappuccini dell'Emilia-Romagna - in collaborazione con il Circolo degli Artisti e Officina delle Arti di Reggio Emilia, con il patrocinio del Comune di Reggio Emilia - in occasione della prima edizione di “Liber-Arte sui muri del convento” che il 29 settembre ha visto alcuni artisti impegnati in una performance di Street Art. Dopo un saluto di padre Paolo Grasselli, responsabile del polo culturale dei Cappuccini dell'Emilia-Romagna, ha aperto l'incontro Fabiola Naldi, docente di Problemi Espressivi del Contemporaneo presso l'Accademia di Belle Arti di Bologna e di Teoria delle Arti Multimediali presso l'Accademia Carrara di belle arti di Bergamo. Naldi ha illustrato l'evoluzione negli ultimi decenni del Writing e della…
Tutti bravi gli artisti che hanno partecipato sabato 29 settembre alla prima edizione di “Liber-Arte sui muri del convento”; per questo ed altri motivi la giuria ha deciso alla fine di dividere equamente il premio in palio. La street art (arte di strada) è stata davvero protagonista al convento dei Cappuccini di Reggio Emilia con la performance aperta al pubblico e l'esposizione delle opere domenica 30. L'evento è stato organizzato dal Polo Culturale dei Cappuccini dell'Emilia-Romagna in collaborazione con il Circolo degli Artisti e Officina delle Arti di Reggio Emilia, con il patrocinio del Comune di Reggio Emilia; sponsor tecnici Multigrafica e Tecnograf. Obiettivo del progetto - come ha spiegato padre Paolo Grasselli, responsabile attività del Polo Culturale - il superamento dell'aspetto deteriore del gesto di protesta e la valorizzazione di un'arte che, seppur con molta fatica e resistenze, potrebbe assumere ruoli positivi di coinvolgimento di un universo prevalentemente giovanile.…
Resterà aperta fino al 4 novembre “Sulle tracce di Francesco”, poesia e spiritualità del santo di Assisi; la mostra, inaugurata il 25 settembre al Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia (Via Ferrari Bonini, 6) propone bozzetti, disegni, schizzi, foto, sculture e dipinti di Elisa Morelli, artista eclettica nata ad Alfonsine di Ravenna, ma trasferitasi per quasi trent'anni a Foggia per insegnare storia dell'arte e disegno prima di tornare in Romagna dove oggi vive e dà vita alle sue opere a Faenza. La personale - patrocinata dal Comune di Reggio Emilia e accompagnata da un ricco catalogo - è stata presentata da Fr. Stefano Cavazzoni, direttore del Museo, e quindi inaugurata alla presenza, tra gli altri, di p. Paolo Grasselli, responsabile del Polo Culturale dei Cappuccini dell'Emilia Romagna, e di p. Matteo Ghisini, Ministro Provinciale dei frati minori Cappuccini dell'Emilia-Romagna. Elisa Morelli - pittrice, scultrice, ceramista, numerose sue opere sono in…
Alle 20.45 la personale di Elisa Morelli con bozzetti, disegni, schizzi, foto, sculture e dipinti sarà inaugurata da p. Paolo Grasselli, responsabile del Polo Culturale dei Cappuccini dell'Emilia Romagna, alla presenza dell'artista. Resterà aperta fino al 4 novembre. Il progetto dell'esposizione è a cura di Nadia Calzolari (che ha curato anche l'allestimento), Elisa Morelli e Stefano Cavazzoni. Elisa Morelli - pittrice, scultrice, ceramista, numerose sue opere sono in collezioni pubbliche e private a Foggia, Bari e Lecce - ha realizzato sculture a tema religioso per il santuario di Casticciano (Forlì), per la chiesa parrocchiale di Fratta Terme, per il santuario della Madonna dei Cappuccini di S. Agata Feltria (RN), iniziando così un percorso di studi a tema francescano che è ancora in atto. Per la casa “Frate Leone” dei Cappuccini di Vignola ha interpretato la “Via Christi” compiuta da S. Francesco con grandi sculture di ceramica che rappresentano sei momenti…
Quattro serate per addentrarsi nei misteri e nei luoghi comuni del secolo d’oro dell’arte Italiana: il '500. Il Polo Culturale dei Frati Minori Cappuccini, di Reggio Emilia propone un ciclo di quattro incontri sull’arte e la tecnica esecutiva dell’olio su tavola del XVI° secolo, proseguendo il percorso avviato con due analoghi corsi che hanno riscosso molto interesse e partecipazione: “Il legno della Madre”, ciclo di quattro incontri sull'arte del XV secolo e la tecnica esecutiva dei dipinti su tavola, proposto in marzo, e il corso sugli affreschi di Giotto dello scorso anno. Gli incontri (inizio ore 20.30 - "sala P. Daniele da Torricella" - Via Ferrari Bonini, 2) saranno suddivisi in momenti teorici e pratici: fr. Antonello Ferretti (amante dell’arte) racconterà l’arte con parole ed immagini, fr. Stefano Cavazzoni (direttore del Museo dei Cappuccini) e Maura Favali (restauratrice) illustreranno la tecnica esecutiva con i corsisti parte attiva.  I temi dei…
Successo per i due appuntamenti organizzati dal Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia con l'obiettivo di chiacchierare un po' d'arte in modo creativo, concludendo il tutto con qualcosa da sgranocchiare e bere insieme. La formula di "Spritz d'autore" è piaciuta e ha coinvolto i partecipanti grazie alla verve e alla creatività di fr. Stefano Cavazzoni (direttore del Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia), Fr. Antonello Ferretti (studioso e amante dell’arte) e Maura Favali (restauratrice). Il metodo utilizzato per parlare delle opere d'arte è lo stesso che ha decretato il grande successo di due corsi teorico-pratici sull'arte del XV secolo e sulla tecnica dell'affresco organizzati dal Museo dei Cappuccini negli ultimi mesi. Il primo “Spritz d'autore” (13 luglio) ha avuto come tema “L'eleganza dell'angelo: L'incontro con Paolo Cosimo Piazza e l'Annunciazione, come riconoscere i personaggi nei quadri”. La serata del 3 agosto è stata, invece, dedicata ai dipinti di fr. Stefano…
Venerdì 13 luglio e venerdì 3 agosto, alle ore 21, il Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia offre due stimolanti appuntamenti a chi vuole cogliere l'occasione per uscire di casa e passare una serata assieme, chiacchierando un po' d'arte in modo creativo e concludendo il tutto con qualcosa da sgranocchiare e bere in compagnia. Ogni serata - animata da fr. Stefano, fr. Antonello e Maura - prevede la presentazione di un'opera d'arte e coinvolgenti curiosità ad essa collegate. Venerdì 13 luglio - L'eleganza dell'angelo: L'incontro con Paolo Cosimo Piazza e l'Annunciazione, come riconoscere i personaggi nei quadri. Venerdì 3 agosto - Stefano da Carpi: Un cappuccino pittore, gli oggetti utilizzati nella quotidianità del convento. Gli spritz d'autore sono presso il Museo dei Cappuccini - Via Ferrari Bonini, 6 - Reggio Emilia INFO: Tel. 0522 580720 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. la locandina di "Spritz d'autore" (pdf)
Nell’ottavo centenario della consacrazione di Chiara d’Assisi, il Festival Francescano sarà nelle piazze del centro storico di Rimini, dal 28 al 30 settembre 2012, per riflettere sull’universo femminile, attraverso un centinaio di appuntamenti di spiritualità, conferenze, spettacoli, arte e incontri. Con lo slogan “Femminile, plurale”, la manifestazione dei francescani italiani racconterà il ruolo delle donne nella società, nell’economia, nella cultura, nelle professioni, nelle religioni, nella Chiesa; del loro apporto decisivo e plurale. Il programma su: www.festivalfrancescano.it
Apertura straordinaria sabato 23 giugno, dalle 16 alle 24, per visitare le mostre “Agorà” del Circolo degli Artisti di Reggio Emilia e “Cultura libera te” di Ermanno Foroni, allestite fino a domenica 24 compresa per Fotografia Europea 2012. Il Museo dei Cappuccini (Via Ferrari Bonini, 6) propone per l'occasione un'esposizione singolare che è anche un'occasione per ricordare l'opera missionaria in Turchia dei frati cappuccini dell'Emilia-Romagna. Si tratta di un set fotografico d'autore - allestito per l'occasione con una splendida tela di fra Stefano da Carpi - che consente ai visitatori di essere ritratti dai fotografi del Circolo degli Artisti. L'evento, in origine in calendario per il 19 maggio, era stato annullato come tutti gli altri de "La Notte dei Musei" per manifestare solidarietà alle vittime dell'attentato di Brindisi.Per l'allestimento del set vengono utilizzati la tela "Il Beato San Giuseppe da Leonessa che predica agli schiavi" (1738) - recentemente restaurata e…
"Collaborare sempre di più e meglio con questa realtà importantissima per la città". E' l'auspicio espresso dall'assessore alla cultura e università di Reggio Emilia, Giovanni Catellani, che il 6 giugno ha visitato il Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia dove - fino al 24 del mese, nell'ambito di Fotografia Europea 2012 - sono allestite le mostre "Agorà" del Circolo degli Artisti e "Cultura libera te" di Ermanno Foroni. "Sono felice che il Museo dei Cappuccini partecipi alla settima edizione di Fotografia Europea - ha detto Catellani -  non solo per le mostre importanti del Circolo degli Artisti e di Ermanno Foroni, ma anche e soprattutto perché questo è un luogo con caratteristiche uniche in una zona particolare della città. Dal momento che per noi la cultura è una parte essenziale della politica, il Museo dei Cappuccini può fare tanto per la convivenza all'interno della città, può contribuire a far sì…
Un caffè letterario per la favela brasiliana di Rocinha; un luogo dove i giovani possano stare insieme per scoprire la bellezza delle parole e i libri dei grandi scrittori. E' l'obiettivo del progetto “Cultura libera te”, illustrato il 5 giugno nel corso di una conferenza presso la sala “p. Daniele da Torricella” del convento dei Cappuccini di Reggio Emilia. L'appuntamento è stato organizzato per “I Martedì del Museo” in occasione delle mostre “Agorà” e “Cultura libera te” allestite fino al 24 giugno presso il Museo dei Cappuccini di Via Ferrari Bonini nell'ambito di Fotografia Europea 2012. Rocinha è la più grande baraccopoli del mondo, sorge nella zona sud di Rio de Janeiro e vi vivono 150 mila persone, qualcuno dice anche 200 mila. Dieci anni fa in questa favela è nata la Onlus “Il sorriso dei miei bimbi”, per iniziativa della reggiana Barbara Olivi che ha deciso di trasferirsi lì…
Il 29 febbraio 2012 si è svolta la prima lezione del corso “Il legno della Madre”, il ciclo di quattro incontri sull'arte del XV secolo e la tecnica esecutiva dei dipinti su tavola proposto dal Polo Culturale dei Frati Minori Cappuccini di Reggio Emilia. Un corso record dal momento che, visto il crescente numero di richieste di iscrizione, viene replicato in due giornate diverse, il mercoledì e il giovedì; complessivamente si sono iscritte sessanta persone desiderose di acquisire gli elementi base, teorici e pratici, di un'arte che affonda le radici nei secoli. "Il legno della madre" è incentrato, in particolare, sui capolavori di Piero della Francesca, Antonello da Messina e Giovanni Bellini e fa seguito a un analogo corso sugli affreschi di Giotto che lo scorso anno ha riscosso grande successo. Fr. Antonello Ferretti (amante dell’arte) racconta l’arte con parole ed immagini, fr. Stefano Cavazzoni (direttore del Museo dei Cappuccini…
Dall'11 giugno al 6 luglio il Museo dei Cappuccini propone un’esperienza unica nel suo genere per i bambini dai 6 agli 11 anni: un atelier estivo settimanale di pittura in centro storico. I bambini muniti di cavalletti e colori possono scoprire il centro storico con gli occhi del pittore: le piazze, le chiese, gli angoli nascosti e poco conosciuti, i giardini fioriti, le statue con le loro luci e ombre.Tutte le mattine si parte con un carretto svizzero d’epoca muniti di fogli, colori, cavalletti e fantasia per dipingere dal vivo un luogo di Reggio. I bambini impareranno così, divertendosi, le tecniche dell’arte visiva come pittura a tempera, acquerello, cera, carboncino, disegno grafico e prospettiva, attraverso metodi semplici e diretti. In caso di maltempo si realizzeranno studi e schizzi all’interno dei musei cittadini. Durata: dal 11 giugno al 06 luglio 2012 (4 settimane)Iscrizione settimanali (da lunedì a venerdì) al costo di…
Inaugurate al Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia (Via Ferrari Bonini, 6) le mostre allestite per Fotografia Europea 2012. Il Circolo degli Artisti propone "Agorà", un lavoro condotto da 16 fotografi alla ricerca degli spazi di vita comune, quelli del passato e quelli del nostro presente, dai centri commerciali agli stadi della passione sportiva, per arrivare alle numerose piazze virtuali di internet; tra le tele del museo permanente dei Cappuccini sono, invece, esposte le immagini scattate 26 anni fa dal fotografo reggiano Ermanno Foroni tra i lavoratori "schiavi"della miniera d'oro Sierra Pelada, in Brasile. Gli allestimenti sono di Nadia Calzolari - responsabile delle attività del Polo culturale dei Cappuccini - che ha curato anche la mostra di Foroni, mentre la mostra del Circolo degli artisti è a cura di Giuseppe Berti e Ivano Bolondi. L'inaugurazione è stata preceduta dall'introduzione di p. Paolo Grasselli, responsabile dei Beni Culturali Cappuccini dell'Emilia-Romagna, e…
Il 27 aprile, al cinema Cristallo di Reggio Emilia, c'è stato un incontro davvero emozionante con due testimoni d'eccezione dell'opera di don Lorenzo Milani. Adele Corradi e Giancarlo Carotti hanno raccontato la propria esperienza rispondendo alle domande di frate Antonello Ferretti e a quelle del pubblico nell'ultimo dei tre appuntamenti del ciclo promosso dal Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Modena e Reggio Emilia e dalla Biblioteca "B. Barbieri" dei Frati Cappuccini di Reggio Emilia. L'occasione è stata davvero unica: Giancarlo Carotti - uno dei primi sei allievi di don Milani e oggi tesoriere della Fondazione intitolata al sacerdote - ha accettato per la prima volta di parlare in pubblico al di fuori di Barbiana; Adele Corradi - nata a Firenze nel 1924, per tutta la vita insegnante di lettere nella scuola media - alla bella età di 88 anni, a 45…
Il Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Modena e Reggio Emilia e la Biblioteca "B. Barbieri" dei Frati Cappuccini di Reggio Emilia promuovono un ciclo di incontri sul priore di Barbiana. Dopo il primo appuntamento del 12 aprile, dedicato alla proiezione del documentario "Lorenzino, don Milani", giovedì 19 aprile (ore 16, sala conferenze biblioteca, Piazza Vallisneri, 1) è in programma "Dalla teoria pedagogia alla prassi educativa: un'esperienza di scrittura collettiva". Con l’aiuto di docenti universitari e animatori culturali, in piccoli gruppi autogestiti, i partecipanti effettueranno un'esperienza di “scrittura collettiva” su tematiche di attualità, secondo la didattica implicita nei testi di don Milani e della scuola di Barbiana. Giovedì 26 aprile (ore 16.00 - Cinema Cristallo) il ciclo sarà concluso da un incontro con Adele  Corradi che porterà la sua testimonianza privilegiata sulla vita e le opere di don Lorenzo Milani; insegnante della…
Il polo culturale dei cappuccini dell'Emilia Romagna augura a tutti una Buona Pasqua e di trascorrere serenamente questi giorni di festa. Nell'occasione si rammenta che per le festività pasquali la mostra "In Arte ed Economia. San Giuseppe da Leonessa Cappuccino" è aperta sabato 7 aprile e lunedì 9 aprile dalle ore 15.00 alle ore 18.00. Nell'immagine un particolare dall'opera "Ultima Cena" di Elisa Morelli - Convento dei Cappuccini di Vignola
Riflessioni, testimonianze ed esperienze sul tema dell'economia giusta sono state al centro del confronto organizzato il 10 marzo dal Polo Culturale dei Cappuccini di Reggio Emilia presso il cinema Cristallo di Via Ferrari Bonini. Un evento collegato alla mostra "In Arte ed economia" e ad un ciclo di conferenze per il quarto centenario della morte del frate cappuccino San Giuseppe da Leonessa che, fra le sue opere meritorie, favorì l'istituzione di Monti Frumentari per il prestito ai più poveri di grano e orzo per la semina.Davide Dazzi (Direttore Culturale della Biblioteca dei Cappuccini di Reggio Emilia) ha introdotto il confronto spiegandone gli obiettivi. Mauro Carboni, Docente di Storia Economica all'Università di Bologna, ha illustrato le origini del credito etico e la nascita e diffusione dei Monti di Pietà e dei Monti Frumentari, due istituzioni assistenziali fortemente volute dai francescani. Il primo Monte venne aperto a Perugia nel 1462 ed il…
Con inizio alle ore 15, il Polo Culturale dei Cappuccini di Reggio Emilia propone un evento al cinema Cristallo di Reggio Emilia (Via Ferrari Bonini, 4) come contributo alla discussione sulla strada da percorrere per far ritrovare all'economia una dimensione etica.Sabato 15 marzo il confronto "Per un'economia giusta" sarà introdotto dal direttore culturale della Biblioteca dei Cappuccini Davide Dazzi e vedrà, quindi, gli interventi di Mauro Carboni, docente di Storia Economica presso l'Università di Bologna, sul tema "Alle origini del credito etico - nascita e diffusione dei Monti di Pietà e dei Monti Frumentari" e del noto economista Stefano Zamagni sul tema "Per una economia civile di mercato". Seguirà una tavola rotonda, coordinata dal giornalista Massimiliano Ranellucci, alla quale prenderanno parte Eva Gullo (presidente di "E. di C. Spa"), Stefano Landi (presidente dell'Associazione Industriali di Reggio Emilia), Giuseppe Pagani (Ordine Francescano Secolare), Mauro Ponzi (presidente Consorzio Oscar Romero), Margherita Salvioli…
La mostra - a cura di Nadia Calzolari e Gabriele Fabbrici, allestimento Nadia Calzolari - è uno degli eventi organizzati nell'ambito delle celebrazioni per il quarto centenario della morte del frate cappuccino San Giuseppe da Leonessa, al quale dal 1929 è intitolato l'ente morale che comprende il convento di Reggio Emilia e quelli di Scandiano e San Martino in Rio. L'inaugurazione è stata preceduta da un'introduzione storica di Fabbrici, che ha ricordato in particolare l'operato di San Giuseppe da Leonessa contro l'usura attraverso i Monti di Pietà e i Monti Frumentari, e dall'intervento di Fr. Stefano Maria Cavazzoni, Direttore del Museo Cappuccini di Reggio Emilia.La mostra è articolata in quattro sezioni: gli undici dipinti di quella iconografica rappresentano un significativo “spaccato” della produzione artistica dedicata, nel corso dei secoli, a San Giuseppe da Leonessa. Una novità assoluta è, in particolare, “Il Beato San Giuseppe da Leonessa che predica agli schiavi”…
Nel quarto centenario della morte di San Giuseppe da Leonessa (4 febbraio 1612) - frate cappuccino canonizzato da Benedetto XIV il 29 giugno 1746 - il Polo Culturale dei Cappuccini di Reggio Emilia organizza una serie di eventi riuniti sotto il titolo “In Arte ed Economia - l'eredità di San Giuseppe da Leonessa Cappuccino”: una mostra (museo Via Ferrari Bonini, 6 - inaugurazione 21 febbraio ore 20.30, aperta fino al 9 aprile), un confronto con relazioni e tavola rotonda (10 marzo al cinema Cristallo), con la partecipazione tra gli altri dell'economista Stefano Zamagni, e un ciclo di conferenze per i “Martedì del Museo” (dal 28 febbraio al 27 marzo). Nell'occasione viene anche avviata una collaborazione con il Circolo degli Artisti con l'esposizione di alcune opere del pittore Vladimiro Vigna. Tutto ruota attorno al tema della ricerca di un’economia giusta, che favorisca un’inversione di tendenza in un’epoca che vede continuamente allargarsi…
Teoria e pratica nel ciclo di quattro incontri sull’arte del XV secolo e la tecnica esecutiva dei dipinti su tavola proposto dal Polo Culturale dei Frati Minori Cappuccini. "Il legno della madre" sarà incentrato in particolare sui capolavori di Piero della Francesca, Antonello da Messina e Giovanni Bellini e fa seguito al corso sugli affreschi di Giotto che lo scorso anno ha riscosso grande successo.  Fr. Antonello Ferretti (amante dell’arte) racconterà l’arte con parole ed immagini, fr. Stefano Cavazzoni (direttore del Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia) e Maura Favali (restauratrice) illustreranno la tecnica esecutiva dei dipinti su tavola con i corsisti parte attiva.Questi i titoli degli incontri: "La Madre e il Figlio nell’arte di Giovanni Bellini", "Il fascino discreto di Antonello da Messina", "Dio geometrizza sempre" incontro con l’arte di Piero della Francesca, "Silenzio e Mistero nelle Madonne di Piero della Francesca". Al termine del corso sarà possibile partecipare…
Quest’anno Gesù bambino nasce anche a Barbiana, nell’officina dove don Lorenzo Milani formava i suoi ragazzi al lavoro; il 18 dicembre è stato, infatti, inaugurato il presepe nato da un'idea del presidente della Fondazione "Don Milani" Michele Gesualdi (e uno dei primi sei alunni del priore) e di frate Antonello Ferretti, del polo polo culturale dei frati minori cappuccini dell’Emilia Romagna, che ha realizzato il cuore dell'allestimento con i giovani dell’associazione “La comune del parco Braida di Sassuolo” e 43 studenti della parrocchia di Sant’Antonio di Sassuolo. Il presepe, che a 44 anni dalla morte di don Milani rivive a Barbiana, è dedicato al lavoro: a quanti lo hanno perso, a quanti stanno lottando per non perderlo e a quanti lo cercano e non lo trovano. Le tradizionali figure sono sostituite da figure impegnate nel lavoro e dalla capanna si diffonde una grande luce, quella evangelica, che illumina l’officina. L’ingresso…
<< Inizio < Prec. 1 > >>
Pagina 1 di 2

sandalo-piccoloBeni Culturali Frati Cappuccini
Museo  tel. 0522. 580720 -   Biblioteca  tel. 0522. 453733 - Cinema Cristallo 0522. 431697        Privacy & Cookies